Padova: morte cerebrale per una bimba di 2 anni, forse a causa del batterio killer
Bambini - Articoli
Scritto da Angela Messina     Venerdì 29 Luglio 2011 14:22 Stampa
e. coliInfezione fatale per una bambina di due anni, di Monselice, ricoverata 5 giorni fa a Padova per infezione da Escherichia Coli, anche se al momento non si sa ancora se dello stesso ceppo che in Germania ha fatto più di 30 vittime. Il ceppo del batterio killer non sarebbe stato ancora individuato. Campioni biologici sono stati inviati all'ospedale Spallanzani di Roma; intanto, altri due bambini affetti da Escherichia Coli, ricoverati nello stesso ospedale, ma provenienti da altre zone, sono già guariti e dimessi.

«Al momento non esiste alcun riscontro clinico e scientifico che possa accomunare il caso della bambina di Padova con il cosiddetto batterio killer tedesco - precisa l'assessore regionale alla sanità Luca Coletto - I prelievi sono comunque stati inviati all'Istituto Superiore di Sanità secondo lo specifico protocollo nazionale e gli esiti degli esami, che verranno resi noti non appena disponibili, si avranno tra lunedì e martedì. Si tratta quindi di una patologia certamente grave ma non collegabile automaticamente al cosiddetto batterio killer. È assolutamente imprudente trarre conclusioni affrettate e soprattutto darne pubblica diffusione prima degli esiti degli esami in corso all'Iss».


morte cerebrale per una bimba di 2 anni padovana, forse a causa del batterio killer
La sindrome uremico emolitica, pur essendo una malattia non frequente, si è presentata in Italia in oltre 700 casi negli ultimi 20 anni e la sua incidenza annuale è pari allo 0,35 nuovi casi ogni 100.000 abitanti in età pediatrica per anno. A Padova i casi sono stati 71 negli ultimi 10 anni, dei quali 15 tra il 2009 e il 2011. Il tasso di mortalità si attesta tra il 3 e il 7%.
 

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information