Stimolare il pensiero interiore dei bambini autistici li aiuta a comunicare
Bambini - Articoli
Scritto da Maria Ida Longo     Mercoledì 25 Gennaio 2012 08:00 Stampa
Il pensiero interiore aiuta i bimbi autistici nella comunicazionePer i bambini autistici incentivare il discorso interiore è un valido aiuto a rapportarsi con il mondo esterno e a migliorare lo svolgimento di attività concrete più complesse: questa è la conclusione alla quale sono arrivati ricercatori inglesi della Durham University (Inghilterra).

Il pensiero interiore è appunto quel pensiero intimo che tutti i bambini hanno naturalmente soprattutto nelle prima infanzia, è ciò che pensano ed esternano mentre giocano o fanno qualsiasi altra attività: purtroppo, non per tutti funziona nello stesso modo, questo a causa del livello di disabilità di comunicazione nella prima infanzia.

I bambini autistici sono più comunicativi se esercitano il pensiero interiore
Infatti, i bambini affetti di autismo sono assorti sempre in mondo tutto loro, impenetrabile, osservandoli è proprio questo che si percepisce, questo li porta ad avere pochissime comunicazioni con "l'esterno": secondo i ricercatori è fondamentale incentivare il pensiero interiore proprio per migliorare queste e il rapporto con gli altri, quindi è importante incoraggiare i bambini a descrivere le proprie azioni ad alta voce, così come insegnare loro ad imparare verbalmente il programma di scuola piuttosto che utilizzare gli orari visivi.

I bambini, quindi, esternando tutto ciò che stanno facendo, vengono stimolati a comunicare ma non solo: David Williams, docente del Dipartimento di Psicologia alla Durham e autore dello studio, spiega che la maggior parte delle persone indotte a "pensare a parole" quando cercano di risolvere i problemi risultano facilitate nella pianificazione di attività particolarmente complicate.
 

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information