Seviziato e violentato dai genitori bambino di 6 anni
Bambini - Articoli
Scritto da Angela Messina     Martedì 26 Giugno 2012 10:00 Stampa
carabinieriL'arresto è scattato dopo la segnalazione di un insegnante del bambino, che ha richiesto l'intervento dei servizi sociali.  Il minore ha perciò raccontato di essere vittima di quotidiani maltrattamenti, di aver subito dal padre violenza sessuale e di essere costretto ad assistere ai rapporti sessuali tra i genitori; botte e sevizie di ogni tipo sul corpo del loro bimbo, di appena sei anni. Crudeltà e torture infinite: come bruciature alle gambe e alle braccia fatte dai due genitori di 40 e 42 anni, che hanno violentato, anche fisicamente, come fosse un gioco, il loro figlioletto.

È accaduto a San Marco Argentano, nell’entroterra cosentino. I due sono stati arrestati dai carabinieri della sezione di polizia giudiziaria per ordine del procuratore della Repubblica Dario Granieri. La storia è andata avanti per anni. Nella più assoluta indifferenza di un ambiente paesano che non ha mai sospettato di nulla.

bambino di 6 anni seviziato e violentato dai genitori
Nessuno ha mai ipotizzato il perché quel bambino, che oggi ha sette anni, è cresciuto pieno di paure e con un velo di tristezza che gli ricopriva gli occhi. Ma anche con caratteristiche da selvaggio, come ha spiegato il sostituto procuratore Paola Izzo.

Sin da piccolo era legato mani e piedi al seggiolino. I genitori improvvisavano una sorta di danza aborigena e utilizzando fiammiferi e candele ustionavano il corpo del piccolo; solo oggi, dopo lunghi anni di penitenze e sopraffazioni subite, gli occhi tristi di Giorgio hanno fatto breccia nella sensibilità di una suora e di un’educatrice di una casa accoglienza, dove il piccolo era stato trasferito perché i suoi genitori, entrambi nullafacenti, non erano in grado di accudirlo.

La coppia ha avuto altri tre figli, tutti dati in adozione. Anche il piccolo era stato dato in adozione a una coppia di extracomunitari, che avrebbero a loro volta approfittato del bambino con violenze di ogni tipo. Poi, finalmente, la casa accoglienza di Cosenza dove ha trovato un poco di serenità. Agli assistenti sociali, ai medici e al sostituto commissario Maria Rosaria Cappiello che l’hanno visitato e interrogato, il bambino ha manifestato atteggiamenti strani: infatti il bambino si esprime soprattutto con parole volgari e si fa capire toccandosi le parti intime. Un segno incontrovertibile di una violenza psicologica che l’ha accompagnato in questi primi anni di vita.

Le perizie e gli esami hanno confermato le violenze. Nella perquisizione nell’abitazione dei genitori gli inquirenti hanno trovato tracce e materiale che i due genitori hanno utilizzato per seviziare il loro bambino. Le educatrici hanno saputo della sua storia tra accenni e simbologie corporali, metodi che il bambino usa, ancora oggi, per farsi comprendere. Da qui la denuncia alla magistratura di quello che era sembrato più di un sospetto.
 

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information