DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Bambini Articoli Genitori iper-protettivi fanno diventare ansiosi i figli
Genitori iper-protettivi fanno diventare ansiosi i figli
Bambini - Articoli
Scritto da Letizia Perugia     Lunedì 04 Febbraio 2013 10:39    PDF Stampa E-mail
coppiaSe i genitori sono ansiosi lo sarà anche il bambino? Un genitore con ansia patologica rappresenta un modello negativo di comportamento, di atteggiamento verso il mondo e di gestione dei problemi.

Gli studi condotti in materia riconoscono questo e confermano che se mamma o papà soffrono di uni disturbo d'ansia danneggiano i figli. Questo perché attuano involontariamente (e inconsapevolmente) una serie di comportamenti che trasmettono al bambino incertezza e sfiducia nelle proprie capacità, rendendolo a sua volta insicuro e ansioso.

bimnbi e animaliUno studio del Johns Hopkins Children's Center ha esaminato 66 diadi genitore-bambino, nelle quali i genitori avevano ricevuto una diagnosi relativa all'ansia (disturbo da ansia sociale, ansia generalizzata o da attacchi di panico), e ha riscontrato nei genitori (in particolare, in quelli che soffrono di fobia sociale) diversi comportamenti responsabili del manifestarsi dell'ansia nei loro bambini.

  Lo studio è stato pubblicato sul giornale scientifico PlosOne. Nel particolare, è stata constatata da parte dei genitori ansiosi sociali una carenza di gesti affettuosi, c'è la tendenza a ipercriticare i bambini e ad avere sfiducia nelle loro capacità di farcela. Tutti i genitori affetti da ansia patologica tendono a controllare eccessivamente i bambini , sono iper-protettivi e non lasciano loro spazio di autonomia nello svolgere un compito.

L'osservazione di genitori e bimbi, all'opera assieme nel corso dell'esperimento, ha rivelato chiaramente questi comportamenti svalutanti e freddi che generano ansia nel bambino. Questo non gode del supporto affettuoso che gli servirebbe e si convince di sbagliare spesso e di non avere quindi possibilità di successo (esattamente come i genitori gli predicono con le proprie aspettative negative).

L'ansia sociale del genitore dovrebbe essere considerata come un fattore di rischio per insorgenza di ansia nel figlio, e come tale trattata per prevenire insorgenza di un disturbo d'ansia anche nel bambino. Secondo alcune stime, i figli di genitori ansiosi hanno fino a 7 volte la probabilità di soffrire a loro volta di ansia patologica rispetto ai figli di soggetti non ansiosi.

Fino a 2/3 dei figli di pazienti ansiosi presentano i criteri per diagnosticare loro un disturbo d'ansia. I ricercatori ricordano che il 20% dei bambini americani soffre di un disturbo d'ansia, diagnosi spesso sottostimata e non riconosciuta come tale.

L'ansia non riconosciuta e non curata nel bambino conduce a depressione, uso di sostanze e fallimenti scolastici, tutti esiti negativi che bisogna scongiurare.
Anche per questo è necessario che il genitore ansioso si faccia curare, per sé stesso e per i propri figli, e che presti attenzione a determinati comportamenti che danneggiano direttamente il figlio, il suo atteggiamento verso sé stesso e verso la vita.

Il genitore ansioso non dovrebbe vergognarsi del proprio problema, lo deve riconoscere e tenere nella giusta considerazione gli effetti che questo può avere sui propri bambini. Dovrebbe imparare a riconoscere ed evitare quei comportamenti (come ipercritica e iperprotezione) che danneggiano il bambino e che mette in atto perché derivano direttamente dal suo disturbo.

Chiedere aiuto e supporto sociale quando si sente di non farcela a gestire il bambino è importante e per riuscire a realizzare tutto questo è fondamentale che il genitore si sottoponga ad una psicoterapia (per affrontare seriamente e risolvere il problema). Importante è che parli con il proprio psicoterapeuta anche di come occuparsi e relazionarsi con i figli.

Esiste da molto tempo il termine inglese "helicopter parenting" (genitori elicottero) per descrivere quei genitori che come elicotteri ronzano perennemente sopra la testa e la vita dei propri figli. Questo comportamento è caratterizzato da un'iper-presenza sia fisica che psicologica, che è troppa in termini quantitativi ma anche spesso sbagliata in termini qualitativi.

C'è un coinvolgimento eccessivo nella vita della prole, perdendo poi di vista ciò che è veramente importante per le persone che sono i propri figli. Oltreoceano è un atteggiamento attribuito alla generazione dei baby-boomers, quelli nati nel dopoguerra (tra il 1946 e il 1964)

I figli di genitori più ansiosi, sono più ansiosi. Ansia ed eccessivo coinvolgimento materno, dicono i ricercatori, predicono in maniera significativa una diagnosi clinica di ansia più avanti negli anni. A volte i comportamenti da mamma-chioccia scattano in particolare quando il bimbo, di suo, si mostra inibito e ansioso. Questo, secondo i ricercatori, non è un motivo corretto per giustificare reazioni parentali troppo difensive.

Un genitore può guidare la risposta del bambino a una situazione modellando un comportamento coraggioso, secondo la professoressa Jennifer L. Hudson, una delle ricercatrici. Gli adulti dovrebbero aiutare i piccoli a affrontare le situazioni potenzialmente paurose, come per esempio l'incontro con un cane, in modo che il bambino possa fare l'esperienza e superarla positivamente.

Se la mamma, invece, ha paura del cane, o per iper-protezionismo priva il bambino di quell'esperienza, non gli darà l'opportunità di sviluppare gli strumenti per affrontare al meglio la situazione che ha generato l'ansia.

Il bambino crescerà più insicuro e ansioso, meno preparato ad affrontare una situazione potenzialmente paurosa in futuro. Bisogna lasciare che il bambino viva il momento d'ansia, e stimolare un comportamento coraggioso di risposta.

 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Giugno 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

mattia_gennaro.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 

Corso gratuito

Bebè a casaA Roma corsi gratuiti dedicati alle future mamme e futuri papà e patrocinato dalla Provincia di Roma.  

Patrocinio della Provincia di Roma
Con la collaborazione della BCC di Roma
bcc pic
Corso gratuito per bambini di 6/7 anni: laboratorio di pittura creativa a Roma 

amoriincorso1
Per i più grandi
 

QR Code

QR Code di Mamme Domani

Chi è online

 657 visitatori e 1 utente online

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information