DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Bambini Articoli I pediatri consigliano di prevenire il bullismo già dalla scuola media
I pediatri consigliano di prevenire il bullismo già dalla scuola media
Bambini - Articoli
Scritto da Tatta Bis     Venerdì 29 Marzo 2013 11:49    PDF Stampa E-mail
BullismoIl bullismo e il cyberbullismo sono dei fenomeni purtroppo in crescita anche in Italia: da una recente indagine di Ipsos per Save the Children emerge che il 72% degli adolescenti e giovanissimi italiani lo avverte come il fenomeno sociale più pericoloso del proprio tempo. Almeno 4 ragazzi su 10 sono stati testimoni di atti di cyberbullismo da parte di coetanei. Bullismo e cyberbullismo sono due facce della stessa medaglia e l'ideale sarebbe prevenirlo fin dalla scuola media, avverte la Società italiana di pediatria preventiva e sociale (Sipps). Se le azioni di bullismo si verificano in rete si parla di cyberbullismo, una forma di prevaricazione volontaria e ripetuta che avviene tramite i nuovi mezzi di comunicazione come l'email, gli sms, le telefonate, i social network e il web.

Il bullismo o mobbing in età evolutiva è il termine di nuova generazione per indicare atti di violenza a scuola generalmente nel periodo adolescenziale e pre-adolescenziale. Giuseppe Di Mauro, pediatra e presidente Sipps crede che per arginare e prevenire il bullismo in tutte le sue forme è fondamentale che le famiglie e la scuola agiscano insieme in un percorso condiviso.

Bullismo

Bisogna sensibilizzare ed educare i ragazzi ad un corretto e consapevole utilizzo delle nuove tecnologie già a partire dalla scuola media. Piercarlo Salari, pediatra consultoriale a Milano e membro Sipps afferma che il bullismo non è solo un atteggiamento aggressivo e prepotente, ma un comportamento che viene messo in atto in modo volontario, si ripete nel tempo e sfrutta consapevolmente alcune caratteristiche di superiorità rispetto alla vittima (l'età, la forza fisica e, nel caso del cyber bullismo, la popolarità in rete, spesso legata al numero di contatti acquisiti).

Sono tantissimi gli episodi che si leggono sui giornali ma, sono molti anche i casi in cui la vittima di violenza e la sua famiglia non trovano il coraggio di opporsi e denunciare. Per contrastare il bullismo è necessario che genitori e insegnanti imparino a riconoscerlo correttamente e con maggiore tempestività. La Sipps ricorda che esistono dei precisi campanelli che devono allarmare i genitori, dovrebbero fare attenzione, osservare i propri figli e distinguere tra condizioni favorenti e comportamenti sospetti.

Le condizioni favorenti sono un uso non controllato e spesso inappropriato di internet e smartphone, spesso fino a tarda notte. Uno scambio ossessivo di immagini, l'uso di messaggi sui social network che possono destare preoccupazione o inquietudine.

Ancora la mancanza di orari e una vita disorganizzata. I comportamenti sospetti sono un rifiuto di parlare di ciò che i ragazzi fanno online, un calo nel rendimento scolastico, un turbamento o un malessere dopo aver usato internet o cambiamenti in generale nei toni e nell'umore con reazioni aggressive o eccessive. Pericoloso è anche l'acquisto o il possesso di accessori o oggetti status symbol che presuppone una disponibilità di denaro non ragionevole o qualche baratto poco convincente.

Uno studio condotto dall'Università dell'Arizona e pubblicato online sul numero del Journal of Adolescence di aprile 2013, ha esaminato la relazione tra depressione, comportamento suicida, bullismo ed esperienze di vittimizzazione. Tutto ciò è stato possibile elaborando i dati di circa 1.500 studenti di scuola superiore. I risultati hanno evidenziato che la depressione è il catalizzatore di tentati suicidi in entrambi i sessi, ma solo nelle ragazze essa ha giocato un ruolo come conseguenza del cyber bullismo.

Gli autori fanno un duplice invito: la necessità di riconoscere tempestivamente eventuali segnali di depressione nei giovani, a maggior ragione se di sesso femminile e se coinvolti in episodi di bullismo, e attuare opportune strategie preventive su questi ultimi. In secondo luogo la necessità di non limitare il campo d'azione alla scuola superiore ma estendere l'indagine alla scuola media per ottenere un intervento più precoce.
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Giugno 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

arancia.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 

Corso gratuito

Bebè a casaA Roma corsi gratuiti dedicati alle future mamme e futuri papà e patrocinato dalla Provincia di Roma.  

Patrocinio della Provincia di Roma
Con la collaborazione della BCC di Roma
bcc pic
Corso gratuito per bambini di 6/7 anni: laboratorio di pittura creativa a Roma 

amoriincorso1
Per i più grandi
 

QR Code

QR Code di Mamme Domani

Chi è online

 530 visitatori online

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information