DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Bambini Articoli Bambini: ipertesi a causa della plastica
Bambini: ipertesi a causa della plastica
Bambini - Articoli
Scritto da Letizia Perugia     Giovedì 06 Giugno 2013 16:16    PDF Stampa E-mail
BambinaGli additivi presenti nelle materie plastiche, detti ftalati, (sono inodori e incolori), aggiunti per migliorare la flessibilità di bicchieri, palloni da spiaggia, giocattoli, involucri, contenitori alimentari, e persino i tubicini delle endovenose, possono far salire la pressione nei bambini. 
 
Questa sostanza inibisce la funzione delle cellule del cuore e provoca uno stress ossidativo che compromette la salute delle arterie e del cuore dei bambini, aumentandone la pressione sanguigna.  L'esposizione agli ftalati può derivare dal masticare gli oggetti che li contengono, mentre la contaminazione alimentare può avvenire attraverso cibo confezionato visto che lo ftalato è usato nella produzione alimentare industriale. 
 
Bicchieri Plastica

Lo rivela una ricerca della New York University, pubblicata sulla rivista Journal of Pediatrics. Questa ha analizzato i dati relativi a 3.000 bambini.
 
Lo studio ha documentato per la prima volta una correlazione tra esposizione ai ftalati maggiormente utilizzati nel pvc usato per gli alimenti, il Dehp (di-2- etilesilftalato), e l'aumento dei valori della pressione sanguigna sistolica. 
 
Delle recenti indagini, a livello nazionale, indicano che il 14% degli adolescenti americani ha già una diagnosi di pre-ipertensione o ipertensione. 
 
La contaminazione alimentare può avvenire attraverso il cibo confezionato e può provocare delle importanti alterazioni metaboliche e ormonali, nello specifico durante le fasi di sviluppo iniziali. 
 
Gli ftalati possono inibire la funzione delle cellule cardiache e causare stress ossidativo che comprometterebbe la salute delle arterie. Fino ad oggi nessuno aveva esplorato la relazione tra esposizione a queste sostanze nocive e la salute del cuore nei bambini, come spiega Leonardo Trasande, autore della ricerca.
 
La ricerca è stata fatta perchè si registra sempre di più tra i ragazzi un rapporto crescente tra l'esposizione a sostanze inquinati presenti nell’ambiente e lo sviluppo precoce dell’ipertensione. L’obesità è il colpevole numero uno dell’ipertensione, come dichiarano i ricercatori.
 
I risultati dell'indagine suggeriscono che alcuni fattori ambientali negativi per la salute possono rappresentare una parte di questo problema: una di queste può essere l’esposizione ai ftalati.
 
L'esposizione però può essere controllata attraverso interventi normativi e comportamentali.  
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Giugno 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

chiara_romidac.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information