DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Bambini Articoli Il 70% dei genitori ha un debole per uno dei figli
Il 70% dei genitori ha un debole per uno dei figli
Bambini - Articoli
Scritto da Letizia Perugia     Giovedì 25 Luglio 2013 10:30    PDF Stampa E-mail
FamigliaI genitori non vogliono considerare l'idea di avere un "figlio preferito" perché la questione è piuttosto spinosa: nel codice genitoriale condiviso e accettato "i figli sono tutti uguali".  
 
Secondo ricercatori dell’Università della California, ben il 70% dei genitori ha però un debole per uno dei suoi eredi, in genere il primogenito.  Questo si traduce in rinforzi e privilegi emotivi non indifferenti che spiegherebbe il motivo per cui i nati per primi sono quelli che si realizzano meglio nella vita, raggiungendo i più alti successi scolastici e lavorativi. 
 
Famiglia

Uno studio norvegese ha portato alla luce che il primogenito ha maggiori qualità rispetto ai fratelli, addirittura con un quoziente intellettivo superiore e un fisico più forte.
 
L'ordine di arrivo in famiglia può determinare delle differenze, non è però l'unico fattore a influire sul tipo di relazione tra genitori e figli. Può essere anche che il bimbo più seguito non sia il primo, ma l'ultimo o comunque quello più problematico (così come avviene in natura quando la madre mostra maggiore attenzione ai cuccioli più bisognosi e indifesi).
 
Le ragioni che spingono un genitore verso un figlio rispetto ad un altro sono profonde e in parte incomprensibili. Ciascun figlio induce nei genitori sentimenti e vissuti diversi: ci sono figli cercati e figli che arrivano, ogni bambino nasce in momenti di vita e di coppia diversi. 
 
Ogni figlio è portatore di caratteristiche differenti, può essere più facile o più impegnativo, ha delle somiglianze che possono ricordare chi si ama di più o, di contro, chi si ama di meno. 
 
Certe predisposizioni possono essere inconsciamente rinforzate dai genitori, evidenziate per aumentare certe affinità o, alle volte, smorzate per sottolineare le diversità. 
 
Un bambino può somigliarci di più rispetto agli altri e ci sono poi situazioni particolari, come quelle riferite alle famiglie ricostituite, dove i partner, formando un nuovo nucleo dopo una separazione, portano figli di unioni precedenti. 
 
In questi casi la situazione può diventare complessa e dare adito a relazioni molto diverse tra i vari componenti, talvolta rasentando evidenti preferenze, altre ipotizzandole e quindi, nel tentativo di evitarle, creandole in modo dannoso.
 
Ci sono comunque delle differenze nel modo di porsi con i figli e poichè sono tutti diversi, i rapporti con ognuno di loro sono variabili, il tipo di attaccamento, amore, attenzione che viene loro riservato è diverso qualitativamente. 
 
Fare differenze non necessariamente significa tradurle in preferenze, almeno non volontariamente: se i genitori amano tutti i loro figli non è detto che lo facciano allo stesso modo. 
 
Ci sono delle affinità elettive che possono alle volte diventare predilezioni e innescare gelosie e invidie tra fratelli. Essere genitori efficaci non significa comportarsi con tutti i figli nello stesso modo e dare a tutti le stesse precise cose ma individuare i bisogni di ognuno e sapervi rispondere nel miglior modo possibile.
 
Bisogna riconoscere e rispettare le diversità e le particolarità di ogni persona. I favoritismi danneggiano, come prevedibile, coloro che restano indietro, i non prescelti, tanto da definire la sindrome dello sfavorito (Less favored status).
 
Questa si traduce in una condizione che espone a vissuti di inadeguatezza, difficili da superare anche in età più avanzata. Strano a dirsi, ma anche il prediletto sembra avere i suoi svantaggi. 
 
Ne parlano diverse psicologhe tra cui Catherine Sellenet e Anna Zanardi che mette in luce come un rapporto privilegiato con il genitore di sesso opposto può causare disturbi perfino gravi alla personalità. 
 
Essere il figlio preferito vuol dire anche essere ricoperto di aspettative molto elevate e andare incontro a un'adultizzazione precoce. Può innescare una serie di dinamiche faticose per se stessi e per le persone che stanno intorno che si ripeteranno nei vari contesti relazionali e segneranno tutta la vita.  
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.


You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.


Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Novembre 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 44 1 2 3
week 45 4 5 6 7 8 9 10
week 46 11 12 13 14 15 16 17
week 47 18 19 20 21 22 23 24
week 48 25 26 27 28 29 30
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

viviana.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information