DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Bambini Articoli Esiste la fase "Tarzan" nello sviluppo del linguaggio dei neonati
Esiste la fase "Tarzan" nello sviluppo del linguaggio dei neonati
Bambini - Articoli
Scritto da Letizia Perugia     Martedì 03 Settembre 2013 08:50    PDF Stampa E-mail
BambinaEsiste una fase nello sviluppo del linguaggio dei neonati che si chiama "Tarzan", a circa 3-4 mesi di vita, il cervello dei bambini può essere stimolato dall'ascolto dei vocalizzi delle scimmie (esattamente come accade con la voce umana) e questo può portare alla creazione delle categorie cognitive che sono fondamentali per la costruzione del linguaggio. 
 
A rivelarlo è stato uno studio coordinato da una ricercatrice della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste (SISSA) e pubblicato sulla rivista dell'Accademia americana delle scienze, "Pnas".
 
Mamma E Figlia

I ricercatori hanno scoperto che nei neonati di 3-4 mesi, i vocalizzi dei primati non umani, come i lemuri, favoriscono il processo di "categorizzazione", rispecchiando esattamente quello che accade con le parole pronunciate dagli umani.
 
Alissa Ferry, coordinatrice dello studio frutto della collaborazione con la Northwestern University dell'Illinois, spiega che nei bambini che hanno raggiunto i sei mesi di età, i vocalizzi dei primati non sortiscono più lo stesso effetto.
 
Questo perché il cervello si sintonizza in modo specifico sul linguaggio umano, ma rimane ancora da chiarire quale sia il segreto che permette alla voce delle scimmie di solleticare il cervello dei cuccioli d'uomo. 
 
I bambini coinvolti nell'esperimento non erano infatti in grado di crearsi delle categorie linguistiche quando ascoltavano al contrario le registrazioni di alcune parole pronunciate da persone. Lo studio dimostra che le capacità linguistiche e l'organizzazione del pensiero in categorie derivano da una sorta di "programma cognitivo" più vasto e fondamentale che l'uomo condivide con i primati non umani.
 
Il linguaggio è un’abilità peculiare umana emblema della nostra natura profondamente sociale. In parte è ancora un mistero come il bambino riesca ad acquisire e a padroneggiare con destrezza un sistema così complesso in un arco di tempo relativamente breve.

La prima forma di comunicazione è il pianto: il bambino segnala a chi se ne prende cura uno stato di disagio, connesso nei primissimi mesi di vita a bisogni di ordine fisiologico. 
 
Al terzo mese compare il sorriso sociale che va distinto dal sorriso endogeno, di tipo riflesso, che si può riscontrare anche in età precedenti. 
 
Il sorriso sociale è esibito durante lo scambio comunicativo con l’adulto ed esprime il gradimento nei confronti dell'interazione. Tra i quattro e i sei mesi il bambino inizia a sillabare. 
 
Questo fenomeno, noto come lallazione, diventa gradualmente più complesso e variato fino alla ripetizione di sillabe, che tanti genitori scambiano per protoparole anche se in realtà non si può ancora parlare di linguaggio.
 
Solitamente le prime parole compaiono tra i 9 e i 13 mesi e sono prevalentemente legate al contesto di riferimento o connesse con le attività in corso. 
 
Gradualmente il linguaggio assume la sua caratteristica peculiare: quello di essere un sistema simbolico ed astratto, utilizzato per descrivere oggetti assenti fisicamente, oltre che presenti, o eventi passati e futuri. 
 
A 16 mesi il vocabolario medio di un bambino italiano è di circa 50 parole. La capacità produttiva immatura è compensata da una maggiore abilità di comprensione verbale.

A 18 mesi ci sarà una esplosione del vocabolario: i bambini incrementano rapidamente il numero di parole prodotte, imparano anche più termini in una settimana. A 20 mesi il numero di vocaboli a disposizione del bambino è triplicato.
 
A un anno si nota il fenomeno dell’olofrase, cioè il bambino con una sola parola esprime una frase più complessa: può dire “pappa” per esprimere “voglio la pappa”. 
 
Con l’espansione del vocabolario, a partire dai 18 mesi, aumenta anche la capacità di comporre frasi, che contengono, intorno ai due anni, anche due o tre parole.
 
Tra i 24 e i 36 mesi lo sviluppo grammaticale ha una rapida accelerazione, che conduce all’acquisizione dei meccanismi morfosintattici salienti nella propria lingua madre. 
 
La lunghezza media delle frasi continua ad aumentare. Compaiono le prime proposizioni dichiarative, è presente l’accordo soggetto-verbo. 
 
Dai tre anni in poi la struttura sintattica dei periodi si fa sempre più complessa, includendo le prime proposizioni subordinate, anche se sono presenti ancora delle difficoltà dal punto di vista grammaticale con gli articoli, con i plurali dei nomi e con l’uso dei pronomi.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.


banner def 480
Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Gennaio 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 1 1 2 3 4 5 6
week 2 7 8 9 10 11 12 13
week 3 14 15 16 17 18 19 20
week 4 21 22 23 24 25 26 27
week 5 28 29 30 31
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

viviana.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 

La Ragnatela News

Corso gratuito

Bebè a casaA Roma corsi gratuiti dedicati alle future mamme e futuri papà e patrocinato dalla Provincia di Roma.  

Patrocinio della Provincia di Roma
Con la collaborazione della BCC di Roma
bcc pic
Corso gratuito per bambini di 6/7 anni: laboratorio di pittura creativa a Roma 

amoriincorso1
Per i più grandi
 

QR Code

QR Code di Mamme Domani

Chi è online

 875 visitatori online

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information