DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Bambini Articoli I genitori possono prevenire il bullismo
I genitori possono prevenire il bullismo
Bambini - Articoli
Scritto da Tatta Bis     Martedì 04 Novembre 2014 14:22    PDF Stampa E-mail
BullismoIl fenomeno del bullismo viene spesso sottovalutato e molti credono che sia solo un normale passaggio di crescita tra i bambini e gli adolescenti, ma genera un vero e proprio malessere sociale. 
 
Nel bullismo viene coinvolta la comunità, la scuola, la famiglia e i protagonisti si portano fino all'età adulta gli atti compiuti da piccoli, generando sofferenza a catena con le persone che incontreranno: i bulli avranno problematiche antisociali e devianti mentre le vittime rischiano di soffrire di depressione e ansia che rendono difficile una vita da adulti sereni. 
 
Bullismo

La famiglia è il luogo dove vengono generate le vittime e i bulli, conoscere i meccanismi psicologici e le dinamiche che possono portare il bambino piccolo sulla strada del bullismo (come vittima o come carnefice) può essere utile ai genitori per prevenire questo fenomeno. 
 
La Polizia di Stato ha redatto un documento che aiuta i genitori ad evitare di allevare il seme del bullismo all'interno della propria famiglia. 
 
I bulli e le vittime hanno una caratteristica in comune che è rappresentata dalla solitudine, l'isolamento dal gruppo e l'estraneità in famiglia. 
 
Un bambino che è chiuso in se stesso, non comunica con i genitori e può essere la vittima dal bulletto della classe, ma anche il bullo è "solo" e vive in una famiglia dove manca la comunicazione.
 
I genitori hanno un ruolo fondamentale perchè un bambino che ha paura di parlare con loro, non si sente capito e apprezzato può facilmente essere preso di mira.
 
Mamma e papà dovrebbero aumentare l'autostima del bambino fin da molto piccolo, questo significa incoraggiarlo a sviluppare le proprie caratteristiche positive e le proprie abilità, stimolarlo a stabilire relazioni con i coetanei, a non isolarsi, soprattutto parlare, dialogare, discutere. 
 
Bisogna fargli sentire che mamma e papà ci sono, qualunque cosa accada, è l'arma più potente che abbiamo per non farlo diventare una vittima del bullismo.
 
Per non instillare nel bambino il seme del bullismo bisogna comunicare con lui, insegnargli l'identificazione con gli altri,fargli capire le conseguenze delle proprie azioni. 
 
Già dalla scuola materna, se fanno un dispetto a un loro compagno bisogna spiegargli che hanno provocato una sofferenza, cercare di fargli vivere l'esperienza dalla parte della "vittima". 
 
Un altro aspetto fondamentale è che gli si insegni ad esprimere la propria rabbia in modo costruttivo e maturo, non assecondare sempre i bambini è molto utile per farli crescere rispettosi degli altri, bisogna dire no quando serve.
 
Anche gli insegnanti hanno un ruolo importante nel contrastare il bullismo: può essere utile far compilare agli alunni un questionario e organizzare una giornata di dibattito sul tema e incontri fra genitori, fra insegnanti e fra genitori e insegnanti. 
 
Il momento della ricreazione e del pranzo sono i momenti in cui bisogna fare più attenzione perché il bullo può agire indisturbato. Elogi, ricompense e sanzioni possono modificare il comportamento degli studenti più aggressivi. Individuare degli studenti  leader capaci di aiutare le vittime. 
 
Insomma, l'alleanza genitori-insegnanti può essere molto forte e debellare il problema bullismo.
 
Può essere condivisa con bambini e ragazzi questa lista di comportamenti per scoraggiare i bulli:
- Raccontare ad un amico ciò che ti sta succedendo
- Non reagire alle provocazioni del bullo, fai finta di niente e allontanati, se vuole costringerti a fare ciò che non vuoi, rispondi "NO" con voce decisa.
 
- Se gli altri pensano che hai paura del bullo e stai scappando da lui, non preoccuparti. Ricorda che il bullo non può prendersela con te se non vuoi ascoltarlo.
 
- Il bullo si diverte quando reagisci, se ti arrabbi o piangi, se ti provoca, cerca di mantenere la calma, non farti vedere spaventato o triste. Senza la tua reazione il bullo si annoierà e ti lascerà stare
 
- Quando il bullo ti provoca o ti fa del male, non reagire facendo a botte con lui, se fai a pugni, potresti peggiorare la situazione, farti male o prenderti la colpa di aver cominciato per primo.
 
- Se il bullo vuole le tue cose, non vale la pena bisticciare, al momento lasciagli pure prendere ciò che vuole però poi raccontalo subito ad un adulto.
 
- Fai capire al bullo che non hai paura di lui e che sei più intelligente e spiritoso, lo metterai in imbarazzo e ti lascerà stare.
 
- Il bullo ti provoca quando sei da solo, se stai vicino agli adulti e ai compagni che possono aiutarti, sarà difficile che si avvicini
 
- Per non incontrare il bullo puoi cambiare la strada che fai per andare a scuola, durante la ricreazione stai vicino agli altri compagni o agli adulti, utilizza i bagni quando ci sono altre persone.
 
- Ogni volta che il bullo ti fa del male scrivilo sul tuo diario, ti aiuterà a ricordare meglio come sono andate le cose
 
- Subire il bullismo fa stare male, parlane con un adulto di cui ti fidi, con i tuoi genitori, con gli insegnanti, con il tuo medico. 
 
- Se sai che qualcuno subisce prepotenze, dillo subito ad un adulto, questo vuol dire fare la spia ma aiutare gli altri. Potresti essere tu al suo posto e saresti felice se qualcuno ti aiutasse.
 
Per capire se i nostri figli subiscono soprusi da un bullo, ci sono dei segnali che possono essere sintomo di questo fenomeno: trovano scuse per non andare a scuola o voler essere accompagnati, fanno frequenti richieste di denaro, sono molto tesi, piagnucolosi e tristi dopo la scuola, hanno lividi, tagli, graffi o strappi negli indumenti, dormono male o bagnano il letto, dicono di non avere nessun amico, rifiutarsi di raccontare ciò che avviene a scuola.
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.


banner def 480
Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Marzo 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 9 1 2 3
week 10 4 5 6 7 8 9 10
week 11 11 12 13 14 15 16 17
week 12 18 19 20 21 22 23 24
week 13 25 26 27 28 29 30 31
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

chiara_romidac.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 

La Ragnatela News

Corso gratuito

Bebè a casaA Roma corsi gratuiti dedicati alle future mamme e futuri papà e patrocinato dalla Provincia di Roma.  

Patrocinio della Provincia di Roma
Con la collaborazione della BCC di Roma
bcc pic
Corso gratuito per bambini di 6/7 anni: laboratorio di pittura creativa a Roma 

amoriincorso1
Per i più grandi
 

QR Code

QR Code di Mamme Domani

Chi è online

 439 visitatori online

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information