DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Bambini Articoli La dislessia ha origini genetiche: è causata dall'alterazione di un gene
La dislessia ha origini genetiche: è causata dall'alterazione di un gene
Bambini - Articoli
Scritto da Tatta Bis     Venerdì 29 Maggio 2015 14:14    PDF Stampa E-mail
bambiniUno studio, pubblicato il 27 maggio su "The Journal of Neuroscience", ha portato alla luce l'associazione tra genetica e dislessia, l’alterazione del gene DCDC2 è la causa di una specifica forma di dislessia e di un disturbo della visione. 
 
I ricercatori hanno coinvolto nella ricerca due gruppi di dieci ragazzi dislessici, un gruppo con alterazione del gene DCDC2 e l’altro senza, a tutti sono state presentate delle immagini con linee bianche e nere ed è stato poi chiesto di individuare se le immagini si muovessero in senso orizzontale o verticale. 
 
Dislessia

Il gruppo con difetto genetico era capace di identificare l’orientamento e la forma ma non il movimento delle linee producendo delle risposte date a caso. 
 
I soggetti con delezione genetica sono ciechi al movimento di alcuni stimoli visivi, quelli che di solito sono i più visibili nei soggetti normali. 
 
Lo studio è stato condotto da Guido Marco Cicchini dell’Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IN-CNR) di Pisa e Maria Concetta Morrone dall’Università di Pisa, in collaborazione con l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano e dell’Ircss Medea. 
 
In studi precedenti era già emerso che 2 dislessici su 10 hanno un'alterazione del gene DCDC2, ma fino a questa ricerca il suo ruolo era rimasto ignoto.
 
La dislessia è un Disturbo Specifico dell’Apprendimento (DSA) insieme a discalculia (difficoltà nel calcolo),  disgrafia e disortografia (difficoltà nella scrittura). 
 
La dislessia nei bambini si manifesta con difficoltà nella lettura (non è fluente e corretta), incapacità a elaborare e comprendere ciò che viene letto. 
 
In Italia c’è ancora molta ignoranza rispetto a questa disabilità che invece colpisce circa una persona su dieci, prevalentemente maschi. 
 
Questi bambini non vengono compresi passando per pigri, svogliati e stupidi con conseguenti problemi psicologici come l’abbassamento della propria autostima, depressione, ansia, rifiuto della scuola e crisi di identità. 
 
Questi ultimi problemi sono la conseguenza e non la causa della dislessia. La diagnosi di dislessia viene fatta solo in classe seconda o terza della scuola primaria anche se alcuni bambini manifestano difficoltà nella lettura già in prima classe. 
 
In questi primi anni di scuola è possibile effettuare valutazioni dei prerequisiti per l’abilità di lettura, anche se ad oggi non sono stati identificati dei predittori del disturbo.
 
Sono a rischio di dislessia chi ha disturbi del linguaggio e chi ha un genitore dislessico, una volta ottenuta la diagnosi vengono messi in atto aiuti specifici e tecniche di riabilitazione e di compenso, ma anche, come stabilito dalle direttive ministeriali, la concessione di tempi più lunghi per lo svolgimento di compiti, l’uso della calcolatrice e/o del computer anche nei momenti di valutazione, compresi gli Esami di Stato.
 
Se il problema non viene identificato tempestivamente attraverso la valutazione di una persona esperta nel campo dei disturbi dell’apprendimento (psicologi, logopedisti, etc), le conseguenze possono risultare di una certa gravità. 
 
Come spiega Guido Marco Cecchini dell’In-Cnr, che ha collaborato allo studio, ad oggi la dislessia è diagnosticata solo quando si evidenzia un ritardo dell’apprendimento e vengono escluse altre cause, questo rallenta molto, talvolta anche di anni, ogni forma di intervento. 
 
La scoperta di un marcatore genetico e fisiologico, cambia radicalmente tale prospettiva: in futuro, la diagnosi di questo tipo di dislessia potrebbe essere più semplice e molto più precoce. 
 
Si spera di ottenere un test genetico che possa individuare particolari delezioni per poter intervenire in maniera specifica sulla cecità momentanea che colpisce questa categoria di dislessici, al movimento di alcuni stimoli visivi.
 
La scoperta potrà cambiare drasticamente lo stile di vita delle persone che sono affette da questo particolare disturbo e che in questo modo possono recuperare e sviluppare le funzioni e le conseguenti aree deficitarie.
 
Grazie a questa ricerca, loro lavoro si può comprendere che un approccio multidisciplinare integrato alla dislessia è necessario per avere diagnosi e terapie sempre più specifiche e risolutive, dichiarano gli esperti.
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Giugno 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

mattia_gennaro.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information