DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Bambini Articoli Giornata Mondiale dei nati Prematuri 2015: controlli per intercettare e risolvere possibili problemi
Giornata Mondiale dei nati Prematuri 2015: controlli per intercettare e risolvere possibili problemi
Bambini - Articoli
Scritto da Letizia Perugia     Martedì 17 Novembre 2015 16:03    PDF Stampa E-mail
Bambino PrematuroOgni anno dai 40 ai 50 mila bambini nascono prima del termine della gravidanza, sono sempre di più, ma rispetto ad appena cinquant'anni fa il loro destino è molto diverso: nel 1960 il 73% dei prematuri al di sotto dei 1500 grammi moriva, oggi meno del 15% non ce la fa. 
 
L'obiettivo di oggi, Giornata Mondiale del bambino prematuro, è ridurre ulteriormente le conseguenze negative di una nascita pretermine e garantire ai bimbi e alle loro famiglie una miglior qualità di vita e un'assistenza più attenta. 
 
Bambino Nato Pretermine

In occasione di questa giornata, la Società Italiana di Neonatologia ha messo a punto un documento in cui si fa chiarezza sui controlli da fare dopo la nascita, così da rispondere alle domande di mamme e papà e soprattutto intercettare prima possibile eventuali problemi.
 
Dopo un approfondito colloquio al momento della dimissione, il bimbo va rivisto a sette, dieci giorni di distanza e poi alle 40 settimane di età corretta, ovvero al momento in cui sarebbe scaduto il termine naturale della gestazione, lo spiega Mauro Stronati, presidente SIN. 
 
Servono inoltre controlli a due-tre mesi per valutare eventuali sequele polmonari e neurologiche, a sei-otto mesi per i controlli uditivi, visivi, dell'accrescimento, a dodici-quattordici mesi per il comportamento e il linguaggio, a diciotto-ventiquattro mesi per lo sviluppo cognitivo e motorio e infine a tre anni per una valutazione complessiva che tenga conto anche del quoziente intellettivo. 
 
Sono tutte tappe fondamentali, perché riconoscere tempestivamente un problema significa a volte risolverlo senza che abbia conseguenze gravi: se un bimbo ha un deficit di udito riconosciuto a pochi mesi una protesi acustica impedirà che manifesti poi un deficit del linguaggio. 
 
I disturbi che possono colpire i prematuri sono tanti e dipendono dallo sviluppo incompleto dell'organismo al momento della nascita: sono più frequenti malattie infettive e polmonari, ma anche retinopatie o problemi cerebrali. 
 
Le conseguenze negative sono però molto meno frequenti che in passato, come fa sapere Stronati: nei bimbi che pesano meno di 1500 grammi, quelli cioè più “critici” per cui servono maggiori attenzioni, non è diminuita solo la mortalità ma si sono drasticamente ridotte anche le ripercussioni della prematurità sulla salute a lungo termine.
 
Infatti negli anni '60 i sopravvissuti senza sequele erano il 26.8%, oggi sono l'84, esiti lievi o moderati riguardavano il 52%, oggi soltanto l'11, conseguenze gravi si vedevano nel 22% dei bimbi, oggi appena nel 5%, il salto di qualità c'è stato, evidente.
 
Gli specialisti sottolineano anche l'importanza della cosiddetta “golden hour”: la prima e decisiva ora dopo la nascita: nei piccoli nati dopo meno di 32 settimane di gestazione le procedure messe in atto nei primi sessanta minuti possono fare la differenza sugli esiti a distanza. 
 
Per questo è anche importante scegliere l'ospedale “giusto” dove far nascere i propri figli, se non ci sono fattori di rischio basta un buon ospedale attrezzato, ma se si sospettano o ci sono elementi che potrebbero portare a una nascita pretermine è bene optare per una clinica che offra la terapia intensiva neonatale.
 
C'è sempre la possibilità di un trasporto, meglio se a parto non ancora avvenuto, ma non tutte le Regioni italiane sono attrezzate per garantirlo quindi meglio non rischiare se la probabilità di un parto pretermine è elevata, come accade sempre più spesso, oggi, a causa dell'aumento del numero di mamme con fattori predisponenti.
 
Questi fattori sono malattie acute o croniche in atto come l'ipertensione, l'abuso di alcol, fumo o droghe, la malnutrizione e soprattutto l'età superiore ai 35 anni favoriscono una nascita prima del tempo. 
 
Lo stesso accade a causa del maggiore impiego di tecniche di fecondazione assistita, che spesso portano alla nascita di gemelli: quando nell'utero c'è più di un bimbo è quasi inevitabile che il parto sia anticipato.
 
Quando un bimbo viene al mondo troppo presto è essenziale garantirgli tutto il supporto possibile perché non sviluppi postumi gravi e soprattutto per assicurare una buona qualità di vita al piccolo e alla sua famiglia.
 
I genitori sono in ansia, hanno paura, la mamma si sente spesso in colpa, dobbiamo tenere conto di tutta questa sofferenza e trovare metodi per aiutare le famiglie e garantire loro il sostegno di cui hanno bisogno. 
 
Alcune risposte, già sperimentate, possono essere ad esempio la linea telefonica aperta 24 ore su 24 con i neonatologi o far venire il pediatra di famiglia in clinica prima delle dimissioni almeno per i bimbi più complessi, così da assicurare una maggiore continuità assistenziale dopo l'ospedale. 
 
Quel che conta è ricordare che non abbiamo a che fare con pazienti, ma con figli: prenderci cura di loro e delle loro famiglie garantendo una migliore qualità di vita nel difficile percorso della prematurità è doveroso e necessario.
 
Per molti anni si è dedicata notevole attenzione alle gravi patologie che possono colpire i prematuri (per esempio, insufficienza respiratoria, sepsi, emorragia cerebrale, enterocolite necrotizzante), trascurando i problemi nutrizionali. 
 
Con il miglioramento della sopravvivenza ci si è resi conto, però, che l’alimentazione riveste un ruolo fondamentale nel condizionare la crescita e la qualità di vita. 
 
Una questione tuttora dibattuta dagli studiosi riguarda l’apporto di proteine, ma è concorde il parere nel considerare il latte di donna l’alimento migliore anche per i neonati con peso alla nascita molto basso, in quanto dotato di componenti non riproducibili (fattori bioattivi, cellule vive) e determinanti per lo sviluppo del sistema immunitario, del sistema nervoso e in generale per i processi di adattamento alla vita extrauterina. A tale scopo le banche del latte consentono di raccogliere e distribuire questa preziosa fonte di nutrimento.
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.


banner def 480
Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Febbraio 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 5 1 2 3
week 6 4 5 6 7 8 9 10
week 7 11 12 13 14 15 16 17
week 8 18 19 20 21 22 23 24
week 9 25 26 27 28
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

mattia_gennaro.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 

La Ragnatela News

Corso gratuito

Bebè a casaA Roma corsi gratuiti dedicati alle future mamme e futuri papà e patrocinato dalla Provincia di Roma.  

Patrocinio della Provincia di Roma
Con la collaborazione della BCC di Roma
bcc pic
Corso gratuito per bambini di 6/7 anni: laboratorio di pittura creativa a Roma 

amoriincorso1
Per i più grandi
 

QR Code

QR Code di Mamme Domani

Chi è online

 563 visitatori online

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information