DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Bambini Articoli Ennesimo caso di bullismo: a Modica sniffato anche un farmaco
Ennesimo caso di bullismo: a Modica sniffato anche un farmaco
Bambini - Articoli
Scritto da Nena86     Lunedì 11 Gennaio 2016 22:03    PDF Stampa E-mail
bimbo al computerUn altro terribile atto di bullismo si è verificato i giorni passati in una scuola media di Modica, in provincia di Ragusa, l’ennesimo caso. Uno dei tanti che ormai non si contano davvero più. Questa volta il bullo ha pestato un coetaneo, un compagno di classe di 12 anni, e non ancora soddisfatto ha convinto altri coetanei a sniffare un farmaco. I poliziotti hanno denunciato il minorenne dopo le segnalazioni giunte da diversi genitori di alunni del medesimo istituto. 

Il “terribile ragazzo”, come è stato definito in molti articoli, denunciato per ripetuti atti di bullismo, ha picchiato la vittima proprio in classe, precisamente durante la ricreazione; questa volta però il bullo si è spinto oltre rispetto a casi analoghi. Infatti, nei giorni successivi, il ragazzo avrebbe offerto ai dodicenni che lo avevano spalleggiato, e che avevano precedentemente deriso  l’altro sfortunato compagno, il medicinale da sniffare.

bimbo al computer
 
Il capo della Mobile di Ragusa, Antonino Ciavola, asserisce: “In più occasioni su questo pericolosissimo fenomeno, di moda tra i giovani statunitensi prima e adesso anche in Italia, i medici si sono espressi descrivendone i rischi”.  “Se è vero -aggiunge- che questa tipologia di medicinali può essere venduta liberamente dai farmacisti, non è comunque lecito offrirla per farla sniffare ad altri minori, stante il fatto che, come più volte ribadito dai medici, può procurare gravi lesioni.”

Infatti il farmaco è a base di Ketoprofene, e ha quindi  ha una triplice azione, come antinfiammatorio, antidolorifico e antipiretico. Pare che il giovane abbia approfittato di una distrazione del professore durante la ricreazione, che si trovava, come lecito, fuori dall’aula. Il perverso divertimento andava quindi oltre la tipica violenza bulla. Gli effetti collaterali negativi per l'assunzione del farmaco, sniffato, sono soprattutto a livello gastrico, perché inibisce la formazione di quella pellicola che protegge le pareti dello stomaco dai succhi gastrici. Anche se in realtà, in persone normali o anche in ragazzi, se sniffato non è provato che abbia alcun effetto stupefacente ma come minimo un'irritazione della mucosa nasale”. 

Pare che dopo esser stato convocato dalla polizia insieme ai genitori, il quattordicenne, che con la sua “geniale” idea è uscito dai classici canoni del noto ruolo, abbia abbassato le difese, scusandosi per quanto commesso, spiegando di non essersi reso conto della pericolosità dei suoi gesti. Spesso capita che i genitori rimangano ignari di ciò che capita ai loro figli, siano essi vittime o bulli; in questo caso invece, fortunatamente, stufi delle vessazioni, dei soprusi e delle angherie subite dai loro figli, un gruppo di genitori ha deciso di rivolgersi alla Polizia per avere un po' di giustizia e porre fine agli atti di sopraffazione. 
 
Il bullismo è una forma di comportamento sociale di tipo violento e intenzionale, di natura fisica e psicologica, prevaricatorio e vessatorio; si può quindi definire una sottocategoria del comportamento aggressivo, con alcune caratteristiche distintive:
• l’asimmetria di potere
• l’intenzionalità
• la reiterazione degli episodi
 
Nel gioco di potere del bullismo sono coinvolti due attori principali e più partecipanti secondari; nel complesso rientrano in tre grandi categorie:
• coloro che mettono in atto le prevaricazioni (bulli, leader, gregari)
• coloro che subiscono (vittime passive, vittime provocatrici)
• coloro che non prendono parte attiva, limitandosi ad assistere (gli spettatori silenziosi)

L’evoluzione di Internet ha condotto a una spiccata crescita dell’interazione virtuale, sia attraverso e-mail e social network, sia effettuando telefonate in rete. E il bullismo attraverso i nuovi media inizia con un click. È una delle espressioni più comuni di bullismo e attualmente rappresenta circa un terzo delle forme complessivamente intese. Con il termine cyberbullying - termine coniato dall’educatore canadese Bill Belsey (o bullismo elettronico/digitale, cyberbullismo, molestie online o ancora bullismo informatico) - si è soliti indicare un fenomeno, in grande crescita ultimamente, che consiste nel dare vita intenzionalmente a comportamenti aggressivi, perpetrati tramite nuovi mezzi elettronici, principalmente telefoni cellulari e Internet, mediante siti web, blog, chat room, e-mail, instant messaging e qualsiasi strumento di comunicazione elettronica.
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Giugno 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

chiara_romidac.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 

Corso gratuito

Bebè a casaA Roma corsi gratuiti dedicati alle future mamme e futuri papà e patrocinato dalla Provincia di Roma.  

Patrocinio della Provincia di Roma
Con la collaborazione della BCC di Roma
bcc pic
Corso gratuito per bambini di 6/7 anni: laboratorio di pittura creativa a Roma 

amoriincorso1
Per i più grandi
 

QR Code

QR Code di Mamme Domani

Chi è online

 590 visitatori online

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information