Bambini e tecnologia: ecco la giusta dieta dei media secondo i pediatri
Bambini - Articoli
Scritto da Letizia Perugia  
Sabato 08 Giugno 2019 23:24
b_450_0_0_1___images_stories_bambini_articoli_Bambina_Vede_Tv.jpgI bambini "dell'era digitale" usano la tv, lo smartphone, internet, le chat, sono dominati da una esposizione ai media 24 ore alle settimana. I pediatri della American academy of pediatrics  (Aap) sostengono che sia ora di cambiare il modo con cui li usano e hanno pubblicato una guida per i genitori, pediatri e scuole.
 
Negli Usa, dagli 8 ai 10 anni, passano 8 ore al giorno usando i diversi mezzi digitali, gli adolescenti arrivano fino a 11 ore al giorno, i ragazzi dai 12 ai 17 anni hanno un cellulare e tutti i teenagers usano messaggini e chat. 
 
 
I pediatri vogliono arginare la mancanza di regole nelle famiglie, puntando all'uso ragionato di questi mezzi di comunicazione: si chiama la "dieta dei media".
 
Questa è stata lanciata da qualche anno al Congresso Nazionale di Orlando e ora è sull'edizione online di Pediatrics, è indispensabile perché questo fenomeno è diventato urgente e serve un approccio salutare all'uso dei media da parte dei bambini.
 
L'obiettivo è minimizzare i danni potenziali di tali mezzi, come ha spiegato Marjorie Hogan, fra gli autori del documento, si deve promuovere una dieta dai media e i genitori, gli educatori e i pediatri possono partecipare all'educazione all'uso dei media, aiutando i ragazzi a fare buone scelte nel consumo dei mezzi digitali. 
 
La guida suggerisce ai genitori di avere un ruolo attivo nell'uso di tali mezzi da parte dei piccoli: visionare con loro siti e chat e discutendone i valori, le famiglie dovrebbero fare una pianificazione pratica oraria quotidiana, escludendo l'uso dei media durante i pasti e quando si avvicina l'ora di andare a dormire. 
 
Inoltre niente tv in camera e massimo 1 o 2 ore complessive fra pc, tv, cellulari e tablet, per i bimbi con meno di 2 anni è meglio evitarli del tutto e non incoraggiarne l'uso. 
 
Ai pediatri invece l'Aap chiede di includere, durante le visite, domande su quanto tempo i bambini spendono davanti ai media e se hanno una tv o il computer in camera. 
 
L'Aap ricorda infine che l'uso eccessivo dei media è associato ad obesità, perdita di sonno e a comportamenti aggressivi. Luigi Greco, vicepresidente della Società italiana pediatria (Sip)  spiega che anche gli adolescenti italiani passano troppo tempo avanti agli schermi (3-4 ore al giorno) che sommate alle ore passate seduti a scuola, quelle per i compiti e i pasti, diventano oltre 11 ore passate seduti.
 
Per i bimbi piccoli in Italia il fenomeno è meno diffuso, come ricorda la Sip, ma gli effetti dei media sui bimbi con meno di 2 anni sono comunque negativi ed aumenta la cattiva abitudine di dare ai più piccoli lo smartphone come un giocattolo o al posto della baby sitter.
 
Sono in aumento i disturbi del sonno e l’aggressività nei bambini fra gli 8 e 10 anni di età, minore capacità di concentrazione nei compiti e negli impegni scolastici.
 
Un maggiore coinvolgimento dei pediatri nell’affrontare i rischi dell’uso dei media con bambini e genitori è indispensabile, anche perchè telefonini, portatili e connessioni internet emettono delle onde che vanno ancora indagate ma, per prudenza, bisognerebbe evitare di esporvi i piccoli.
 
Fonte: Sito Aap


 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information