DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Benessere Articoli Il multitasking crea danni al cervello
Il multitasking crea danni al cervello
Benessere - Articoli
Scritto da Letizia Perugia     Mercoledì 21 Gennaio 2015 15:32    Stampa E-mail
cervelloEssere multitasking, fare tutto e contemporaneamente,  potrebbe essere pericoloso per il nostro cervello, non è la prima volta che gli studi scientifici si occupano degli effetti collaterali del sovraccarico di stimoli e di richieste sulla nostra “centrale di controllo”. 
 
Lo ribadisce il neuroscienziato Daniel J. Levitin, direttore del Laboratory for Music, Cognition and Expertise alla McGill University e autore del libro "La mente organizzata: restare lucidi nell'era dell'eccesso di informazione", in un articolo pubblicato sulle pagine scientifiche del quotidiano britannico "The Guardian": il multitasking ci rende meno efficienti.
 
Multitasking

Questo comporta un vero e proprio esaurimento delle funzioni cerebrali, facciamo i lavori di 10 persone diverse, cercando anche di tenere il passo con la nostra vita, i nostri figli e genitori, i nostri amici, le nostre carriere, i nostri hobby, e i nostri programmi televisivi preferiti, spiega Levitin.
 
Anche se pensiamo di fare diverse cose contemporaneamente, questa è una illusione potente e diabolica, Earl Miller, un neuroscienziato del MIT e uno dei massimi esperti mondiali di attenzione divisa, dice che il nostro cervello non è cablato bene per il multitasking.
 
Quando la gente pensa di fare multitasking, in realtà sta solo passando da un compito a un altro molto rapidamente, ogni volta che lo fa, c'è un costo cognitivo: stiamo passando freneticamente da un compito all'altro, ignorando quello che non è proprio davanti a noi. 
 
Il multitasking aumenta la produzione di cortisolo, ormone dello stress, e di adrenalina, l'ormone del “lotta o scappa”, che può stimolare eccessivamente il cervello e causare annebbiamento o pensieri disturbati.
 
Questo meccanismo crea un circolo vizioso di dipendenza dalla dopamina, premiando effettivamente il cervello a perdere la concentrazione e a cercare stimoli esterni. 
 
A peggiorare le cose, la corteccia prefrontale ha una “distorsione da gadget”: la sua attenzione può essere facilmente distratta da qualcosa di nuovo.
 
La regione del cervello di cui abbiamo molto bisogno di fare affidamento per rimanere concentrati sul compito è facilmente disturbata, rispondere al telefono, cercare qualcosa su internet, controllare la posta, inviare un Sms, ognuna di queste cose modifica i centri del cervello deputati alla ricerca della novità e della ricompensa, provocando uno scoppio di oppioidi endogeni tutto a scapito della nostra concentrazione sul compito da svolgere.
 
Secondo l’autore, anche la semplice opportunità di fare più cose contemporaneamente è dannosa per le prestazioni cognitive.
 
Glenn Wilson, ex docente a contratto di psicologia presso Gresham College di Londra, lo chiama info-mania, la sua ricerca ha scoperto che trovarsi in una situazione in cui si sta cercando di concentrarsi su un compito e si ha una e-mail non letta nella posta in arrivo, può ridurre il QI (Quoziente Intellettivo) effettivo di 10 punti. 
 
Anche se le persone attribuiscono molti benefici per la marijuana, tra cui una maggiore creatività e riduzione del dolore e lo stress, è ben documentato che il suo ingrediente principale, il cannabinolo, attiva i recettori cannabinolici dedicati nel cervello e interferisce profondamente con la memoria e con la nostra capacità di concentrarsi su diverse cose contemporaneamente. 
 
Wilson ha mostrato che le perdite cognitive da multitasking sono ancora superiori alle perdite cognitive dei fumatori di cannabis.
 
Levitin cita poi Russ Poldrack, neuroscienziato a Stanford, secondo il quale nel processo di apprendimento mentre si fa multitasking le nuove informazioni sono dirette verso la parte sbagliata del cervello. 
 
Se gli studenti studiano e guardano la TV allo stesso tempo, le informazioni acquisite dai loro compiti si indirizzano al corpo striato, una regione specializzata nella memorizzazione di nuove procedure e competenze, non di fatti e idee. 
 
Senza la distrazione della TV, le informazioni raggiungono l'ippocampo, dove vengono organizzate e classificate in una varietà di modi, rendendo più facile recuperarle. 
 
Earl Miller del Massachusetts Institute of Technology aggiunge che la gente non può fare multitasking molto bene, quando dice che possono, stanno illudendo se stessi. 
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.


You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.


Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Iscriviti per ricevere le offerte riservate ai nostri lettori e le informative

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Gennaio 2020 Prossimo mese
L M M G V S D
week 1 1 2 3 4 5
week 2 6 7 8 9 10 11 12
week 3 13 14 15 16 17 18 19
week 4 20 21 22 23 24 25 26
week 5 27 28 29 30 31
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

mattia_gennaro.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information