DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Benessere Articoli Perdonare fa stare bene il nostro cervello
Perdonare fa stare bene il nostro cervello
Benessere - Articoli
Scritto da Letizia Perugia     Lunedì 25 Novembre 2013 15:45    PDF Stampa E-mail
Cervello LogoPerdonare ci fa stare meglio e comporta degli stati emotivi positivi, mette inoltre in moto un complesso network cerebrale, che comprende la corteccia prefrontale dorsolaterale, la corteccia del cingolo, e la corteccia parietale inferiore. 
 
Uno studio di un team di ricercatori dell'Università di Pisa, guidata da Pietro Pietrini, uno dei principali esperti italiani negli studi del cervello rivela che il perdono ha origine nel cervello e che si configura come una processo cognitivo articolato che può consentire all'individuo di superare stati emotivi negativi tramite la rivalutazione in terminii positivi di un evento negativo.
 
Perdonare

Gli studiosi hanno usato la risonanza magnetica funzionale pr misurare l'attività delle diverse regioni cerebrali in un gruppo di soggetti che dovevano immaginare scenari di eventi sociali dolorosi (come il tradimento del partner) e rispondere perdonando l'aggressore oppure provando risentimento e/o immaginando di mettere in atto una vendetta.
 
Alla fine di ciascun scenario i partecipanti davano un punteggio alle proprie capacità immaginative e al livello di sollievo esperto in seguito la perdono. 
 
Nel corso della storia, il perdono è stato invocato dalla religione e da leader politici come la risposta moralmente corretta nei confronti di un'offesa. 
 
La ricerca indica che perdonare comporta un vero e proprio lavoro di comunicazione tra diverse parti del cervello. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista di settore "Human Neuroscience".
 
I ricercatori dell’ateneo pisano si sono resi conto che la corteccia prefrontale dorsolaterale è coinvolta nella modulazione dei vissuti emotivi. 
 
Il lavoro di questa area del cervello, suggerisce che il modo nel quale viviamo gli eventi negativi e riusciamo a perdonare in successione dipenda strettamente da come il nostro cervello lavora in quelle aree. In collaborazione con la corteccia parietale inferiore che è una regione associata all’empatia. 
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Iscriviti per ricevere le offerte riservate ai nostri lettori e le informative

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Febbraio 2020 Prossimo mese
L M M G V S D
week 5 1 2
week 6 3 4 5 6 7 8 9
week 7 10 11 12 13 14 15 16
week 8 17 18 19 20 21 22 23
week 9 24 25 26 27 28 29
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

arancia.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information