DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Benessere Articoli Contro le malattie della tiroide si deve consumare poco sale, ma iodato
Contro le malattie della tiroide si deve consumare poco sale, ma iodato
Benessere - Articoli
Scritto da Letizia Perugia     Martedì 10 Dicembre 2013 14:42    PDF Stampa E-mail
saleLe patologie della tiroide si possono prevenire: per farlo è necessario usare il sale iodato per condire i cibi, a dirlo sono i ricercatori dell'Associazione Italiana Tiroide che, illustrando i dati sul consumo del sale iodato in Italia (ci vede tra gli ultimi in Europa), raccomandano di utilizzarlo per prevenire gravi malattie.
 
La riduzione dei disturbi da carenza alimentare di iodio è l'obiettivo primario per la salute pubblica dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e dalla Food and Agricolture Organization. Lo iodio è un minerale che contribuisce allo sviluppo e al funzionamento della tiroide, ha un ruolo importante perchè regola la produzione di energia dell'organismo. 
 
Sale Iodato

Lo iodio favorisce anche la crescita e lo sviluppo, stimolando il metabolismo basale e aiutando l’organismo a bruciare il grasso in eccesso. L’acutezza mentale, la parola, la condizione di capelli, unghie, pelle e denti dipendono dal buon funzionamento della tiroide. 
 
Il corpo umano ne contiene dai 20 ai 50 mg, ovviamente in assenza di patologie. Per questo motivo, l'Associazione Italiana della Tiroide si propone lo studio interdisciplinare della ghiandola tiroidea e delle sue affezioni ed è aperta al contributo di tutti gli studiosi e cultori della materia. 
 
Pesce e crostacei nella dieta quindi, ma soprattutto condirli col sale iodato: questi sono questi i consigli degli endocrinologi a chiusura del 7° Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana della Tiroide (AIT).
 
La quantità giusta giornaliera è pari a 150 microgrammi. L'ipotiroidismo è la più diffusa fra le  patologie legate alla carenza iodica.
 
Particolare attenzione deve essere prestata dalle donne, specie se in gravidanza: l'ipotiroidismo è pericoloso per la salute della mamma, ma anche per lo sviluppo cognitivo del bambino.
 
In Italia poco più della metà del sale viene venduta nella versione con aggiunta di iodio. Secondo gli esperti, in Italia bisogna consumare più sale iodato, la percentuale di sale iodato utilizzato dalle famiglie italiane nel 2013 si ferma al 54%, ben lontano dal 95% raccomandato dall'Oms e raggiunto da diversi paesi europei, dall'Austria alla Svizzera. 
 
Se la grande distribuzione sembra aver ormai recepito il messaggio, con solo il 2,3% delle confezioni fuori dai parametri, a segnare il passo sono la ristorazione collettiva, ferma al 23%, e l'industria alimentare, abbondantemente sotto il 10%.
 
La ristorazione collettiva, comprese le mense e tavole calde, è la principale destinataria del rafforzamento della legge, che è contenuto in un disegno di legge delega che dovrebbe essere approvato a breve dal Consiglio dei Ministri. 
 
Il provvedimento conterrà l'obbligo per queste categorie di usare il sale iodato, così come quello per la grande distribuzione di esporre manifesti che spieghino i vantaggi dall'uso di questo tipo di sale.
 
Sono previste sanzioni fino a 6mila euro per chi non rispetta la legge.
 
Anche a causa del mancato uso di sale iodato in Italia la prevalenza del gozzo: ingrossamento della tiroide con la formazione di noduli.
 
Nelle scuole italiane arriva in alcune zone del Nord al 10%, mentre al Sud, dove i consumi sono più bassi, anche al 15%. Il 6,9% dei bambini, inoltre, nasce con un deficit di iodio dovuto allo scarso apporto durante la gravidanza.
 
Il sale iodato è un comune sale marino addizionato in modo artificiale con lo iodio, in alcune aree, soprattutto se molto lontane dal mare, l'assunzione di questo minerale attraverso la dieta è molto bassa. 
 
Il sale viene utilizzato normalmente da larghi strati della popolazione che ne fanno un consumo giornaliero piuttosto simile. 
 
Ecco perché l'alimento rappresenta uno strumento ideale per alzare il consumo di iodio nella dieta, considerato, inoltre, che il processo di iodurazione è piuttosto economico.
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.


You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.


Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Iscriviti per ricevere le offerte riservate ai nostri lettori e le informative

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Novembre 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 44 1 2 3
week 45 4 5 6 7 8 9 10
week 46 11 12 13 14 15 16 17
week 47 18 19 20 21 22 23 24
week 48 25 26 27 28 29 30
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

chiara_romidac.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information