DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Benessere Articoli Un nuovo studio mostra dove inizia e come si diffonde l'Alzheimer
Un nuovo studio mostra dove inizia e come si diffonde l'Alzheimer
Benessere - Articoli
Scritto da Tatta Bis     Lunedì 23 Dicembre 2013 15:55    PDF Stampa E-mail
Alzheimer LogoI ricercatori del Columbia University Medical Center (CUMC) hanno fatto una scoperta fondamentale per la conoscenza e la ricerca di una cura per la malattia di Alzheimer.
 
Scoperta che ha permesso di rispondere a tre questioni basilari sulla malattia: dove ha inizio, perché inizia da lì e come si diffonde, lo studio, pubblicato su "Nature Neuroscience", è stato condotto su 96 adulti iscritti al progetto "Aging Washington Heights-Inwood Columbia" (WHICAP) utilizzando una variante ad alta risoluzione di fMRI (risonanza magnetica funzionale per immagini) per mappare i difetti metabolici nel cervello. 
 
Alzheimer

L’Alzheimer ha inizio in una regione del cervello nota come corteccia entorinale, ma grazie a questo studio è stato possibile dimostrare in pazienti viventi che questo comincia specificamente nella corteccia entorinale laterale, o LEC. 
 
La LEC è considerata una speci di porta di connessione per l'ippocampo, che svolge un ruolo fondamentale nel consolidamento della memoria a lungo termine. Se la LEC ne è interessata, si ripercuote su altri aspetti dell'ippocampo.
 
I risultati dello studio mostrano anche che, nel tempo, dal LEC la malattia di Alzheimer si diffonde direttamente ad altre aree della corteccia cerebrale, in particolare la corteccia parietale, una regione del cervello coinvolta in varie funzioni, tra cui l’orientamento spaziale e la localizzazione. 
 
Il motivo per cui si manifesta proprio nella LEC è perchè qui si accumulano grandi quantità di proteina Tau che sensibilizza all’accumulo di proteine precursori dell’amiloide (le APP). Insieme l’azione di queste proteine danneggia i neuroni che così smettono di funzionare come dovrebbero.
 
Lo studio WHICAP del Dott. Richard Mayeux ha dato un’opportunità unica per fotografare e caratterizzare i pazienti affetti dalla malattia di Alzheimer nella prima, preclinica fase
 
Nel corso dello studio, 12 persone su 96 hanno sviluppato l’Alzheimer e osservandoli con la risonanza magnetica si è potuto vedere, passo dopo passo, la diffusione della malattia appunto a causa della distruzione a catena dei neuroni per colpa delle due proteine sopra citate. 
 
Il percorso della malattia nei 12 soggetti colpiti vedeva dunque riduzioni graduali nel volume ematico cerebrale (CBV) nella LEC, un indice di misura da seguire per capire come e quanto si diffonde il morbo e i tempi di evoluzione della malattia.
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Iscriviti per ricevere le offerte riservate ai nostri lettori e le informative

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Agosto 2020 Prossimo mese
L M M G V S D
week 31 1 2
week 32 3 4 5 6 7 8 9
week 33 10 11 12 13 14 15 16
week 34 17 18 19 20 21 22 23
week 35 24 25 26 27 28 29 30
week 36 31
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

chiara_romidac.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information