DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Benessere Articoli Anche il "colesterolo buono" può diventare pericoloso per il cuore
Anche il "colesterolo buono" può diventare pericoloso per il cuore
Benessere - Articoli
Scritto da Letizia Perugia     Mercoledì 29 Gennaio 2014 13:47    PDF Stampa E-mail
Colesterolo BuonoUno studio, che ha esaminato 627 soggetti, durato cinque anni ed effettuato da un team di ricercatori della Cleveland Clinic, ha individuato il meccanismo che rende il colesterolo buono (HDL) cattivo (colesterolo LDL).
 
Durante la ricerca, i ricercatori hanno visto che le lipoproteine ad alta densità, le HDL, mentre sono sulle pareti delle arterie possono subire delle mutazioni perdendo le caratteristiche che le fanno essere cardioprotettive e causando infiammazioni, aterosclerosi, indurimento delle arterie e coaguli.
 
Colesterolo buono

La ricerca, pubblicata su "Nature medicine", ipotizza che la presenza di un alto numero di questo HDL anomalo potrebbe essere usato come indicatore del rischio cardiaco.
 
Esiste un colesterolo buono, questo protegge il cuore spazzando via il colesterolo in eccesso e portandolo al fegato dove verrà distrutto, ed uno cattivo che si accumula e provoca danni alle arterie.
 
Alcuni studi precedenti avevano dimostrato come il colesterolo “buono” ha in realtà un comportamento più complesso del previsto.
 
I ricercatori di Cleveland, insieme ad un gruppo di colleghi di Zurigo, hanno scoperto che l’apolipoproteina A1, che consente al colesterolo HDL di essere cardio protettiva, può in alcuni casi subire in un suo tratto chiamato oxTrp72-apoA1, un processo di ossidazione e non riesce più a svolgere il suo compito di “spazzina”.
 
Negli studi fatti in precedenza si era visto che, nei pazienti che avevano avuto infarti o ictus (un danno alle arterie) i livelli elevati di HDL comportavano un comportamento strano: la prognosi non solo non migliorava, ma in alcuni casi peggiorava.
 
Identificare la struttura disfunzionale di apoA1 e il processo attraverso il quale arriva a promuovere la malattia invece di prevenirla, è il primo passo nella creazione di nuovi test e trattamenti per le malattie cardiovascolari, come ha spiegato il dott. Hazen.
 
Ora gli scienziati  stanno cercando di sviluppare un test clinico per misurare i livelli nel sangue di colesterolo cattivo e sarà uno strumento utile sia per valutare il rischio di malattie cardiovascolari nei pazienti che per guidare lo sviluppo di terapie HDL mirate al fine di prevenire le malatti.
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Iscriviti per ricevere le offerte riservate ai nostri lettori e le informative

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Agosto 2020 Prossimo mese
L M M G V S D
week 31 1 2
week 32 3 4 5 6 7 8 9
week 33 10 11 12 13 14 15 16
week 34 17 18 19 20 21 22 23
week 35 24 25 26 27 28 29 30
week 36 31
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

viviana.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information