DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Benessere Articoli Le donne italiane sono sane ma ipocondriache, i sintomi
Le donne italiane sono sane ma ipocondriache, i sintomi
Benessere - Articoli
Scritto da leoncina     Lunedì 10 Marzo 2014 08:30    PDF Stampa E-mail
Homer Ipocondriaco è il malato immaginario: sono persone che collegano dei dolori normali a malattie anche dopo rassicurazione medica, oppure a loro basta solo sentire i sintomi di una malattia per provarli, al punto che nei casi più gravi la suggestione porta davvero a segni visibili. In Europa metà sono donne sono ipocondriache, e le italiane sono al primo posto con le spagnole.

Sebbene le donne italiane siano attente alla salute, all'alimentazione e alla forma fisica in generale, sono paradossalmente più spaventate dalle malattie rispetto alle altre donne europee. Il 25% di loro comincia a preoccuparsi seriamente quando avverte un piccolo malessere attribuendolo subito a qualche malattia.

donna mucchio medicine
In questa forma di maniacalità non siamo sole: le donne spagnole si spaventano delle malattie come e più di noi. Ma il grande paradosso è che sia italiane che spagnole sopportano meglio le sofferenze, in quanto il 30% delle donne svedesi si mette a letto per un banale raffreddore (in Inghilterra il 25%) mentre noi andiamo a lavorare sempre e comunque, con appena il 19% che si getta sul letto per poco.

Secondo uno studio francese di Capital Immagine e SFOP, circa 8,5 milioni di francesi sarebbero ipocondriaci in modo conclamato. Ma come si fa riconoscere l'ipocondria? I sintomi sono vari, ma i principali consistono in :

- se sotto i 35 anni e si passa molto tempo al computer per cercare informazioni mediche che creano ansia e non si recano mai dal medico (in generale queste informazioni cireano ansia nel 49% dei soggetti)

- l'ipocondriaco impone le sue regole e i suoi ritmi, trasformandosi in un tiranno per la sua famiglia e il suo medico, in quanto la sua preoccupazione principale è sapere le probabilità di sviluppare una malattia

- il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-V-TR) evidenzia anche come sintomo la preoccupazione persistente per almeno 6 mesi

- ripetere continuamente le stesse frasi durante la giornata

- vivere in città porta a stati d'ansia continui in quanto una delle maggiori paure dell'ipocondriaco è la contaminazione, facile da prendere col contatto umano, frequentando luoghi affollati

 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Iscriviti per ricevere le offerte riservate ai nostri lettori e le informative

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Agosto 2020 Prossimo mese
L M M G V S D
week 31 1 2
week 32 3 4 5 6 7 8 9
week 33 10 11 12 13 14 15 16
week 34 17 18 19 20 21 22 23
week 35 24 25 26 27 28 29 30
week 36 31
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

viviana.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information