Come superare senza stress l'ora legale
Benessere - Articoli
Scritto da Tatta Bis  
Lunedì 27 Ottobre 2014 08:21
insonnia1Nella notte tra sabato e domenica è entrata in vigore l'ora solare e sono circa 12 milioni gli italiani a rischio insonnia, lo afferma la Coldiretti in riferimento all'allarme insonnia determinato dall'obbligo di spostare di un'ora indietro le lancette dell'orologio che provoca un cambiamento del ciclo del sonno.

Il rischio è soffrire d'insonnia accompagnata anche da ansia, nervosismo, malumore, mal di testa e tensione muscolare. Secondo la Coldiretti consumare pane, pasta e riso, lattuga, radicchio, aglio e formaggi freschi, uova bollite, latte caldo e frutta dolce è importante per favorire il sonno e realizzare un passaggio più piacevole dall'ora legale a quella solare.

Insonnia


Gli alimenti conditi con curry, pepe, paprika e sale in abbondanza ed anche salatini, alimenti in scatola e minestre con dado da cucina rendono più difficile addormentarsi.

L'alimentazione è collegata al sonno: ci si addormenta difficilmente a digiuno o non sazi, ma anche nei casi di eccessi alimentari, in particolare con cibi pesanti o con sostanze eccitanti.

L'ora solare ci consente di dormire di più grazie alle lancette che vengono spostate indietro di un'ora, ma il rischio collegato a questa pratica è quello di sentirsi storditi per alcuni giorni successivi.

Molte persone possono essere soggette ad alcuni sintomi che possono essere legati ad una forma lieve di depressione stagionale, chiamata SAD (Seasonal Affective Disorder): secondo gli ultimi studi, sono le persone più sensibili a soffrire di disturbi diffusi, specialmente durante i cambi di stagione o come nel caso dell'ora solare.

Spesso si sottovaluta l'importanza del sonno, ma non è un bene negoziabile: gli esseri umani sono costruiti per dormire e quando qualcosa interferisce con questa necessità a risentirne è tutto il nostro organismo.

Ecco i 5 consigli degli esperti per superare questa fase difficile senza alcun problema: per prima cosa capire se si è gufi o allodole? I primi tendono ad essere animali notturni, che prediligono lavorare ed essere attivi alla sera, mentre le personalità riconducibili al profilo allodola sono mattiniere e solitamente rendono maggiormente proprio nelle prime ore della giornata.

Il secondo consiglio è aiutare a risincronizzare i ritmi provando ad andare a letto più tardi nei giorni immediatamente prima del cambio dell'ora e alzandoci un più tardi nel stesso weekend, sfruttando effettivamente l'ora in più e allenarci così gradualmente al cambiamento, che altrimenti patiremo con più forza il lunedì successivo.

Il terzo consiglio è fare attività fisica perchè gli effetti ormonali di questi cambiamenti vengono attenuati dall'attività fisica aerobica, consigliabile in questo periodo.

Il quarto è mangiare leggero, mantenere uno stile alimentare fatto di pasti leggeri e non di cedere alla naturale iperfagia che si può presentare come elemento a corollario di questa sindrome, indotta da un meccanismo di compenso neurobiologico.

Il quinto e ultimo consiglio è avere una lampada per attuare una specifica terapia naturale (fototerapia) che consiste nella risincronizzazione dei ritmi circadiani mediante esposizione, in certe fasce orarie della mattina, a luce brillante indotta da specifiche lampade, che permettono di generare una sorta di alba artificiale.

La luce naturale è il principale antidoto e basta una maggiore esposizione alla luce, come il passaggio in un ambiente lavorativo ad una postazione più chiara e luminosa, per indurre un miglioramento dei sintomi del cosiddetto "jet lag sociale".

 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information