Pesticidi nella frutta e verdura riducono la fertilità maschile
Benessere - Articoli
Scritto da Letizia Perugia  
Martedì 31 Marzo 2015 16:09
spermatozoi logoI pesticidi presenti in frutta e la verdura provocano effetti negativi sulla fertilità maschile: gli studiosi raccomandano di lavare con cura la verdura e di sbucciare sempre la frutta. 
 
Secondo una ricerca del Dipartimento di nutrizione ed epidemiologia della Harvard T. H Chan school of public health di Boston, condotta su un campione di 155 uomini dai diciotto ai cinquantacinque anni, il danno è collegato alla quantità di cibo consumato perchè ci sono alimenti che contengono più pesticidi e quelli che ne hanno di meno.
 
Frutta e verdura

Ogni soggetto è stato seguito per diciotto mesi e ha compilato dei questionari precisi riguardo l’alimentazione giornaliera, oltre ad essere sottoposto periodicamente a delle analisi del liquido seminale. 
 
In questo modo gli studiosi hanno scoperto che chi mangiava più di una porzione e mezza al giorno di frutta e verdura con elevati livelli di pesticidi aveva il 49% di spermatozoi in meno (ottantasei milioni contro i centosettantuno) rispetto a chi invece sceglieva quelle con poche sostanze chimiche o ne consumava in quantità minore. 
 
I cibi più sicuri sono i fagioli, i piselli, il pompelmo e la cipolla, livelli elevati di residui, hanno specificato i ricercatori, sono stati riscontrati nei peperoni, negli spinaci, nelle fragole, nelle mele e nelle pere.
 
I risultati non vogliono però scoraggiare la vendita di frutta e verdura, ma consigliare a tutti di scegliere prodotti migliori.
 
La frutta e la verdura, come ha chiarito Elena Vicini, della sezione di istologia ed embriologia e ricercatrice specializzata in biologia della riproduzione alla Sapienza di Roma, proteggono la fertilità maschile in quanto ricche di antiossidanti e non bisogna rinunciarci. 
 
Il consiglio è di avere maggiore consapevolezza nella scelta di alimenti non trattati rivolgendosi soprattutto a coltivatori di fiducia, è importante inoltre lavare sempre a fondo la verdura e sbucciare la frutta.
 
I risultati della ricerca sono stati pubblicati  sulla rivista "Human Reproduction"
 
Come spiega il professor Jorge Chavarro, uno degli autori della ricerca, questo è il primo studio che mette in relazione il consumo di pesticidi direttamente ingeriti attraverso l’alimentazione con la salute riproduttiva dell’uomo.  Diverse ricerche hanno dimostrato che è possibile rilevarne tracce all’interno delle urine, mentre altri studi hanno anche scoperto una forte relazione fra l'esposizione professionale e ambientale a pesticidi e minore qualità del seme. 
 
Pochi però sono quelli che hanno messo in relazione il consumo dei residui di pesticidi negli alimenti e la salute umana, questo sullo sperma è il primo in assoluto. 
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information