Obesità: assumere troppi grassi danneggia le strutture cerebrali
Benessere - Articoli
Scritto da Letizia Perugia  
Lunedì 30 Novembre 2015 15:53
cervelloL'obesità rende stupidi, almeno stando a un recente studio condotto presso il "Medical College of Georgia", negli Stati Uniti: gli studiosi, dopo aver condotto un test a livello murino, hanno scoperto un collegamento tra consumo eccessivo di grassi e riduzione della reattività cerebrale.
 
I ricercatori americani hanno notato che assumere troppi grassi danneggia le strutture cerebrali, si viene a creare una sorta di black-out sulla miscroglia, il coacervo di autodifesa cerebrale. 
 
Obesità

Durante il test, sono state impiegate 12 settimane per far diventare obesi i topi e, di conseguenza, ledere le loro sinapsi e i collegamenti neurali, le cavie obese avevano meno sinapsi rispetto a quelle normopeso, sottoposte a un regime alimentare normale.
 
I macrofagi della miscroglia devono difendere i neuroni del sistema nervoso centrale, rimuovendo i rifiuti, se c’è troppa spazzatura, molti neuroni avranno problemi e si ridurrà la schiettezza cerebrale, un ingente quantitativo di rifiuti nella miscroglia è stato ravvisato proprio nei topi obesi.
 
Che i grassi non facessero bene al cervello lo avevano anche scoperto diversi studiosi dell’Archana Singh-Manoux dell’Inserm di Parigi e dell’University College di Londra. 
 
L'equipe ha scoperto che le persone con problemi di peso avevano un declino cognitivo più veloce rispetto ai normopeso, gli studiosi americani non sono riusciti, però, a spiegarsi perché ciò avviene, non escludendo che la causa dei danni cerebrali siano gli elevati livelli di colesterolo e zucchero nel sangue.
 
Si è parlato spesso, in passato di un possibile collegamento tra obesità e demenza, sottolineando il grave danno che provocano i grassi alla salute fisica e cerebrale. 
 
Per comprenderne fino in fondo le ragioni sono necessarie altre ricerche, per gli studiosi è necessario approfondire gli effetti dei fattori genetici e tenere in considerazione anche da quanto tempo il paziente è obeso e presenta alterazioni metaboliche. 
 
Occorrerà anche perfezionare i test cognitivi, per riuscire a capire meglio i rapporti tra obesità e funzioni cognitive nella popolazione adulta.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information