Depressione, solo un malato su tre si cura
Benessere - Articoli
Scritto da Tatta Bis  
Lunedì 14 Novembre 2016 12:03
depressione donnaEsistono tante forme di depressione, gli psichiatri ne sono certi e hanno iniziato a curare i pazienti con terapie diverse, questa questa nuova consapevolezza sta rivoluzionando le terapie e sta facendo uscire dal tunnel molti più uomini e donne in tempi brevi.
 
Anche la psichiatria è entrata nell'era della medicina di precisione: valutazione dei dati genetici, biomarker, neuroimaging cerebrale o segnali spia di resistenza ad alcuni farmaci, lo spiegano gli specialisti della Società italiana di psichiatria che si sono incontrati a Milano in questi giorni. 

 
C'è però un dato allarmante: solo una persona su tre che soffre di depressione si cura davvero, è molto frequenti, tra i pazienti, interrompere da soli la cura, riprenderla o cambiare pillole da soli, comportamenti che penalizzano il percorso della cura. 
 
La diffidenza nei farmaci sta nella paura degli effetti collaterali e nella remota possibilità di diventare dipendente dai farmaci, come spiega Claudio Mencacci, presidente della Società e direttore del dipartimento di neuroscienze dell'ospedale Fatebenefratelli-Sacco di Milano.
 
Presto sarà possibile prescrivere ad ognuno la cura più efficace, sfruttando i parametri che si stanno rivelando importanti per predire la risposta.
 
Un'indagine condotta dall'Osservatorio nazionale sulla salute della donna mostra che la depressione è seconda solo ai tumori per impatto sulla qualità della vita, il 70% dei pazienti finisce per isolarsi mentre il 30% soffre di disturbi della sfera cognitiva come difficoltà a prendere decisioni, scarsa attenzione e concentrazione. 
 
La diagnosi precoce e trattamento adeguato e mirato sono, essenziali, passaggio fondamentale dal momento che oggi, dall'insorgenza dei primi sintomi fino alla diagnosi, passano almeno due anni.
 
Questo accade perché oltre alla perdita di interesse e/o di piacere per le cose normali (vita professionale, sociale e di relazione) spiegano gli psichiatri, vengono modificati anche gli aspetti cognitivi, attenzione quindi ai cali di concentrazione e ad altri segnali come la tendenza a procrastinare una decisione, al sonno breve e disturbato.
 
Spesso le depressioni vengono confuse con uno stato d’animo passeggero, come la tristezza, alla base della vulnerabilità individuale a sviluppare depressione via sono fattori genetici e ambientali e in futuro sarà sempre più necessario prescrivere subito il farmaco con la maggior probabilità di essere efficace, considerando anche con maggior attenzione tutti i dati di farmacodinamica disponibili (ciò che sappiamo della relazione fra principio attivo e recettore su cui agisce). 
 
Diversi studi scientifici hanno dimostrato una stretta relazione fra depressione, scarsità di sonno e attivazione di fenomeni infiammatori che sono alla base della comparsa di differenti patologie tra cui diabete, ipertensione e la stessa depressione. 
 
Anche alimentazione inadeguata, obesità e scarso esercizio fisico sono altri fattori di rischio per l’attivazione delle specifiche vie che portano ad alterazioni infiammatorie e depressive.  
 
Il disagio psichico e la depressione stanno diventando il primo motivo di ricorso al medico di famiglia che spesso, ma spesso non ha esperienza o armi adeguate ad affrontare un problema per cui, oltre alle competenze cliniche, servono anche disponibilità e tempo per l’ascolto.   
 
Per la presa in carico è la continuità della cura è necessaria una vera integrazione fra interventi di carattere sociale e socio sanitario. 
 
Il presidente della Sip Claudio Mencacci durante convegno "Le depressioni" ha dettato le 10 regole contro la depressione: 
 
1. Arrivare prima alla diagnosi. 2. Migliorare la formazione dei medici, non solo degli specialisti, ma anche di medici di medicina generale, pediatri, ginecologi, geriatri, diabetologi, cardiologi, pneumologi ecc 
 
3. Informare e informarsi, per gli psichiatri occorre avviare campagne di informazione e sensibilizzazione rivolte alla popolazione generale. 4. Intercettare e prevenire lo stigma, identificare contesti e situazioni in cui potrebbe esistere una difficoltà a parlare del proprio problema. 5. Curarsi bene ossia avere accesso alle cure, ma anche e soprattutto seguire le terapie secondo le modalità indicate dal medico 
 
6. Non interrompere mai le cure. 7. Seguire uno stile di vita sano: dalla corretta alimentazione, azzerando il consumo di alcool e droghe, la pratica regolare di attività fisica, limitare una vita impegnata su troppi fronti come nel caso della donna (professionista, madre di famiglia, compagna di vita) e con più occupazioni ugualmente impegnative, emotivamente e mentalmente coinvolgenti e stimolanti.
 
8. Prestare attenzione ai segnali d’allarme come perdita di interesse e/o di piacere per le cose normali e gli aspetti cognitivi (cali di concentrazione, attenzione e memoria di lavoro, tendenza a procrastinare una decisione o l’incapacità di attuare strategie di ‘problem solving’, in contesti sia banali sia più complessi). 9. Non trascurare qualità e quantità del sonno, se breve e disturbato è un importante fattore di rischio per la comparsa e il perdurare di problemi depressivi. 10. Confidarsi e parlarne, informare le persone care. 
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information