DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Benessere Articoli Scoperta sequenza di DNA non umano in pazienti con Leucemia mieloide acuta
Scoperta sequenza di DNA non umano in pazienti con Leucemia mieloide acuta
Benessere - Articoli
Scritto da Letizia Perugia     Venerdì 18 Novembre 2016 11:21    PDF Stampa E-mail
dnaLa leucemia mieloide acuta è una malattia che si sviluppa a partire dal midollo osseo (mieloide) e che progredisce velocemente (acuta). Le cellule del sangue sono presenti nel midollo osseo sotto forma di "precursori" e, attraverso un percorso di maturazione, si possono differenziare in globuli bianchi (tra cui i linfociti), globuli rossi, o piastrine.
 
Se in questo percorso che li porta a diventare "adulti" i precursori" (tranne quelli dei linfociti) vanno incontro a una trasformazione in senso tumorale, si arriva alla LMA, colpisce soprattutto gli uomini, i casi si presentano con più frequenza dopo i 60 di età, tuttavia i malati hanno età diverse, oggi si riescono a curare circa il 40-45% dei pazienti. 
 
 
Un gruppo di ricerca milanese, ha scoperto che i pazienti che presentano questa malattia hanno una sequenza genetica "aliena", potrebbe esserci l’«infezione» di un virus o di un batterio, che inserisce un pezzo di Dna nelle cellule sane causandone la trasformazione in cellule tumorali.
 
Lo studio è stato pubblicato sulla rivista "Scientific Reports" ed è una ricerca tutta italiana, anzi tutta made in Milano grazie alla collaborazione tra i ricercatori dell'Università degli Studi di Milano e gli ematologi dell’Ospedale Niguarda. 
 
Il lavoro, completamente autofinanziato con il sostegno delle Associazioni di Volontariato (Associazione Malattie del Sangue Onlus di Milano e Como Hematology and Oncology di Como), apre a nuovi scenari per le cure e per la comprensione dei meccanismi che portano all’instaurarsi della patologia oncologica che in Italia fa registrare 2 mila nuovi casi l’anno.
 
All'origine ci sarebbe una proteina che innesca la proliferazione cellulare, gli studiosi hanno evidenziato che in oltre un paziente su due c’è una correlazione tra la malattia e una porzione di DNA presente nelle cellule leucemiche che non è di tipo umano.
 
Un'evidenza importante che richiederà ulteriori passaggi di approfondimento per capire quale sia la fonte di questo “corpo estraneo” nel genoma dei pazienti e con quali meccanismi agisca . 
 
Si pensa alla “pista microbiologica” con virus e batteri coinvolti nei meccanismi di patologia ma è ancora presto per avere un identikit preciso. La scoperta apre a nuove branche di ricerca. 
 
Tutto nasce dall’evidenza di una sovra-espressione della proteina WNT10B nella cellula leucemica: già in uno studio di 4 anni fa aveva evidenziato che la proliferazione cellulare incontrollata, tipica dei meccanismi tumorali, presentava un’iper-espressione di questa proteina. 
 
Visto poi che, dietro una proteina c'è sempre un gene che la codifica ci siamo focalizzati sulla corrispondente porzione di Dna , gli studiosi sono andati a ritroso e si sono chiesti chi impartisse questo ordine in grado di attivare un loop auto-proliferativo senza interruzione.
 
Grazie ad una serie di tecniche di biologia molecolare molto avanzate, usate solo in pochi centri a livello mondiale, sono riusciti a identificare una variante dell’oncogene WNT10B.
 
La scoperta è importantissima: negli anni a venire ovviamente richiederà una serie di approfondimenti per risalire alla specie a cui il DNA appartiene e per chiarire i meccanismi che hanno portato all’incorporazione. 
 
Per la fase di matching, confronto con tutte le sequenze non umane note, sarà fondamentale la collaborazione con enti di ricerca internazionali che mettano a disposizione banche di DNA non umano molto vaste.
 
I ricercatori hanno trovato un’altra correlazione, la stessa alterazione genetica anche in alcune cellule di tumore della mammella, e evidenze al momento sono meno approfondite, ma è un input di ricerca che potrebbe delineare novità importanti anche per questa patologia. 
 
Per la ricerca sono state usate tecniche antiche e moderne: per individuare la giusta variante dell'oncogene WNT10B i ricercatori hanno usato tecniche di biologia molecolare molto avanzate e usate in pochi centri nel mondo, ma è grazie a tecnologie meno avanzate che hanno individuato "l'intruso" ossia grazie ai sequenziatori automatici un po' vintage, perché i macchinari di ultima generazione avrebbero scartato le sequenze non umane in automatico senza analizzarle.
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.


banner def 480
Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Marzo 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 9 1 2 3
week 10 4 5 6 7 8 9 10
week 11 11 12 13 14 15 16 17
week 12 18 19 20 21 22 23 24
week 13 25 26 27 28 29 30 31
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

chiara_romidac.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 

La Ragnatela News

Corso gratuito

Bebè a casaA Roma corsi gratuiti dedicati alle future mamme e futuri papà e patrocinato dalla Provincia di Roma.  

Patrocinio della Provincia di Roma
Con la collaborazione della BCC di Roma
bcc pic
Corso gratuito per bambini di 6/7 anni: laboratorio di pittura creativa a Roma 

amoriincorso1
Per i più grandi
 

QR Code

QR Code di Mamme Domani

Chi è online

 764 visitatori online

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information