La sindrome metabolica
Benessere - Articoli
Scritto da Nena86  
Mercoledì 08 Febbraio 2017 11:20
piramide alimenti

Le alterazioni classificate come “Sindrome Metabolica” di recente soprattutto sono oggetto di studio di molti medici, proprio per la crescente pericolosità medico-sociale, infatti la ricerca medica ha dimostrato l’associazione tra sindrome metabolica e sviluppo di alcune patologie, come diabete, ipertensione, rischio cardiovascolare, e  scarsa qualità della vita.
 Nella maggior parte dei casi, lo sviluppo della sindrome metabolica è dovuto principalmente allo stile di vita e alimentazione scorretti.
Tra le concause scatenanti di questa patologia potrebbe esserci anche una resistenza all’azione insulinica. Quindi il fattore che maggiormente determinerebbe il rischio cardiovascolare (e l’insorgenza del diabete) è la quantità del tessuto adiposo: dalla ricerca scientifica si rileva che l’accumulo di peso (soprattutto l’aumento del girovita) sia correlato a patologie cardiovascolari, al diabete e alla riduzione dell’aspettativa di vita. Il grasso, infatti, si accumula a livello strutturale.


Gli uomini over50  e le donne nel periodo post-menopausa accumulano il grasso neoformato prevalentemente a livello del girovita, mentre le donne prima della menopausa lo accumulano prevalentemente nel sottocutaneo. È ampiamente dimostrato che una corretta alimentazione e lo svolgimento di attività fisica adeguata possano (se adeguatamente bilanciati) ridurre il peso corporeo.

Purtroppo è innegabile anche l'incidenza dalla base genetica. Sicuramente un equilibrio tra corretta educazione alimentare e regolare attività fisica comporta un vantaggio, riducendo i fattori di rischio correlati all’eccesso di peso. Oltre la metà della popolazione italiana (adulta e giovanile) è in sovrappeso, mentre ben 4 milioni di persone (il 25% in più rispetto a 10 anni fa) risultano obese. Anche la presenza di casi di diabete insulino-resistente è sostanzialmente raddoppiata (un problema che tocca ormai il 6-8% degli italiani) e 1 italiano su 3 soffre di ipertensione arteriosa e 1 su 5 di ipercolesterolemia.
Questo rientrerebbe in quella ch da anni viene definita “sindrome metabolica”. 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information