Benessere - Rimedi naturali
Scritto da Anna Franchini  
Mercoledì 09 Febbraio 2011 15:00
cipollaFin dall'antichità la cipolla veniva coltivata per uso sia culinario che terapeutico. Tutt'oggi è uno degli aromi più utilizzati nelle cucine di tutto il mondo e le sue virtù tanto decantate dalla fitoterapia contadina e popolare riscontrano ancora validità e successo.

Sfruttiamola quindi al meglio! Senza dare tossicità o effetti collaterali (se non a chi soffre di acidità di stomaco, in caso di uso interno), questo bulbo può essere un favoloso alleato naturale in tante situazioni. Innanzitutto la sua capacità antisettica e cicatrizzante ci permette di utilizzarla efficacemente per via esterna su punture di insetti, foruncoli e affezioni della pelle, strofinandola direttamente sulla parte interessata, cruda e tagliata a pezzetti od eventualmente applicandone il succo. Questo può essere adatto anche frizionato sulla cute per stimolare la ricrescita dei capelli...cosa di cui si ha spesso bisogno dopo parto e allattamento.

finita l'afa 30.000 italiani a letto con l'influenza: i bambini i più colpiti
Ancora più interessante è la sua potente azione battericida a livello dell'apparato respiratorio, fluidificante sul muco ed espettorante. Proprio per questo la cipolla risulta particolarmente utile nel periodo invernale contro influenze, raffreddori, tossi e affezioni alle vie respiratorie in genere. Diventa così un semplice ma valido rimedio per noi e per i nostri bambini: possiamo applicarla direttamente sul petto, tritata e brevemente scaldata in un pentolino (attenzione! Bisogna solo intiepidirla), fissandola addosso con un panno di lana o di cotone; possiamo berne l'infuso o il latte, fare gargarismi col succo fresco - indicati soprattutto in caso di tonsillite; e in ultimo se ne potrà fare largo uso per le otiti che non di rado affiggono i bambini. In questo caso, come insegna la nostra tradizione contadina, è bene tagliare a pezzetti la cipolla, scaldarla quanto basta, avvolgerla in un fazzoletto e applicarla alle orecchie infiammate e dolenti.

Se tutto ciò non bastasse a far cambiare parere a chi detesta la cipolla per il suo odore, menzioniamo anche le sue proprietà diuretiche, disintossicanti del fegato, anticolesterolo, ipoglicemizzanti e la sua ricchezza di sali minerali e vitamine-soprattutto la C. Usiamola dunque in cucina o assumiamola sottoforma di decotti e infusi.

E non temano le mamme che allattano: se la cipolla rientra nelle loro abitudini alimentari, anche per i loro cuccioli quel sapore sarà la normalità e non percepiranno alcuna stranezza o differenza.

Approfondimenti:
per informazioni puoi far riferimento a questa e-mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information