DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Destinazioni scuolaInForma: nuova campagna sul giusto stile di vita dei giovani
scuolaInForma: nuova campagna sul giusto stile di vita dei giovani
Bambini - Articoli
Scritto da Eva Forte     Martedì 05 Aprile 2011 14:21    Stampa E-mail
obesitàModavi Onlus, lancia il progetto educativo A scuolaInForma, per promuovere tra i ragazzi delle scuole superiori stili di vita attivi legati a una corretta alimentazione e alla pratica di attività sportive.

Il rischio obesità, infatti, è determinato non solo da un eccesso di calorie introdotte rispetto a quelle consumate, ma soprattutto – nell'età giovanile – da stili di vita sedentari, da una mancanza di esercizio fisico, che invece è fondamentale per la salute. Secondo recenti dati del Ministero della Salute, il 22% dei bambini pratica sport per non più di un’ora a settimana, mentre circa la metà ha la TV in camera, il 38% guarda la TV o gioca con i videogiochi per 3 o più ore al giorno e solo un bambino su 4 si reca a scuola a piedi o in bicicletta. Il risultato è che  il 25,6% dei maschi e il 12,3% nelle femmine di 15 anni è sovrappeso o obeso.

ragazzino obeso

“A scuola InForma” nasce dunque dalla consapevolezza che questi dati delineano una reale emergenza di salute pubblica, e si propone di favorire l’educazione dei giovani a stili di vita attivi ed equilibrati.

Il progetto è stato realizzato sotto il patrocinio di importanti istituzioni, tra cui Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri e Ministero delle Pari Opportunità, e si rivolge a 20,000 studenti dai 13 ai 18 anni, ai loro genitori e insegnanti, in cinque regioni italiane dove il problema del sovrappeso e dell’obesità risulta maggiormente diffuso: Lazio, Puglia, Calabria, Campania e Sicilia. In totale saranno coinvolte circa 40 scuole.

«Il progetto “A scuola InForma” interviene con un’azione concreta di formazione, educazione e prevenzione relativamente ad un problema molto diffuso tra giovani e giovanissimi quale quello dell'alimentazione non corretta, e delle conseguenze che da questi comportamenti derivano. La scarsa consapevolezza circa i gravi rischi per la salute che un'errata alimentazione comporta – commenta il ministro della Gioventù, Giorgia Meloni - rende indispensabile un impegno costante per modificare le abitudini alimentari. L'Italia è ai primi posti in Europa per il numero di bambini in soprappeso, mentre l’obesità colpisce addirittura un bimbo su quattro; per non parlare dei rischi derivati dal ricorso a diete drastiche e fai da te che possono indurre malattie quali anoressia e bulimia.

Eppure secondo l’Oms, basterebbe un uso migliore delle già esistenti misure di prevenzione per ridurre del 70% l’impatto globale delle malattie; sappiamo bene quante di queste hanno come origine un errato rapporto con il cibo.»

“A scuola InForma” si struttura in due fasi parallele. Una prima fase pedagogica prevede una lezione al mese rivolta ai docenti, agli alunni e ai genitori e tenuta da un nutrizionista, coadiuvato da uno psicologo per quanto concerne gli aspetti psicologici legati all’alimentazione. Durante questo periodo all’interno delle scuole vengono attivati degli sportelli informativi condotti da nutrizionisti, che una volta alla settimana forniscono consulenza ad alunni, genitori e personale scolastico in tema di alimentazione.

Contemporaneamente, una fase ricreativa coinvolge i docenti che si occupano delle attività sportive e gli studenti, in un ciclo di lezioni tenute da sport trainer professionisti, per due ore alla settimana. Questa fase è costituita da corsi di sport non abitualmente praticati all’interno delle scuole, come l’atletica e il basket, tenuti dai docenti stessi o da associazioni e centri sportivi locali. Le scuole vengono, inoltre, supportate nelle attività di preparazione ai “Giochi della Gioventù”, un importante momento ricreativo, più partecipativo che competitivo, che ben esemplifica il concetto di stile di vita attivo e sano.

In parallelo, studenti, insegnanti e genitori partecipanti saranno sottoposti ad un questionario, con l’obiettivo di indagare lo stile alimentare e le conoscenze in tema nutrizionale nonché valutare l’efficacia dell’intervento nei termini di un reale cambiamento nelle abitudini alimentari, avviando così una nuova ricerca sullo stato del fenomeno.

Le linee guida nutrizionali di “A scuola InForma” sono indicate da un apposito Comitato Scientifico, che periodicamente si riunisce per valutare l'andamento del progetto ed è composto da: Emanuela Rampelli, dirigente del Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio, Paula Benevene, psicologa,Giuseppe Fatati, Presidente della Fondazione ADI (Associazione di Dietetica e Nutrizione Clinica), Carla Favaro, specialista in Scienze dell’Alimentazione, Maria Rita Parsi, Psicoterapeuta, Psicopedagogista e Presidente della Fondazione Movimento Bambino,Andrea Poli, Direttore Scientifico di Nutrition Foundation of Italy, e Silvia Stocchi, psicologa.


Il progetto è stato reso possibile grazie al contributo non condizionato di The Coca-Cola Foundation, organizzazione nata nel 1984 che sostiene e supporta diverse iniziative e associazioni in tutto il mondo.
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.


You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information