DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Donna Articoli Scoperto il gene della felicità, ma è solo femminile
Scoperto il gene della felicità, ma è solo femminile
Donna - Articoli
Scritto da Angela Messina     Giovedì 30 Agosto 2012 13:33    PDF Stampa E-mail
sorrisoUn gruppo di scienziati hanno scoperto il gene della felicità, che però agisce solo sulle donne. Ecco spiegato perché il cosiddetto sesso debole, pur essendo più soggetto degli uomini a disturbi dell'umore, alla fine appare più forte e felice, dando l'impressione di sapersela cavare comunque.

La ricerca condotta dalla University of South Florida, dalla Columbia University, e dal New York State Psychiatry Institute, riferisce che di fatto si tratta di un antidepressivo naturale. Il gene oggetto della scoperta si chiama Maoa, ed è un regolatore della produzione di sostanze che hanno a che fare con l'umore, neurotrasmettitori come la dopamina, la serotonina.

maoa, il gene della felicità
Lo studio pubblicato su Progress in Neuro-Psychopharmacology & Biological Psychiatry, spiega che la bassa espressione del gene induce più alti livelli di monoamine, circostanza nella quale si verifica una maggiore produzione di neurotrasmettitori che migliorano l'umore. Lo studio, condotto su 152 uomini e 193 donne, ha rilevato che gli effetti positivi dell'azione del Maoa (monoamino ossidasi A) sono stati rilevati soltanto sulle donne e non sugli uomini.

Lo studio è stato condotto sottoponendo ad uno screening genetico i partecipanti al programma  Children in the Community. Studiato il loro Dna e rilevata la variazione del gene in questione, i ricercatori hanno messo a punto una scala che determinasse il livello di felicità dei volontari.

Henian Chen, primo autore dello studio, ha spiegato che si tratta del primo gene della felicità specifico per le donne, aggiungendo che all'inizio si è sorpreso, poichè la bassa espressione di MaoA è stata associata ad alcuni risvolti negativi come l’alcolismo, l’aggressività e comportamenti antisociali. Infatti il gene Maola da alcuni scienziati viene chiamato il gene guerriero, ma, almeno per le donne, lo studio evidenzia una caratteristica positiva.

Secondo il ricercatore questa doppia faccia del gene potrebbe aiutare a spiegare perché l’ansia e, più in generale, i disturbi dell’umore sono più frequenti nelle donne che, però, riescono ad essere più felici rispetto agli uomini.
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.


You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.


Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Iscriviti per ricevere le offerte riservate ai nostri lettori e le informative

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Agosto 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 31 1 2 3 4
week 32 5 6 7 8 9 10 11
week 33 12 13 14 15 16 17 18
week 34 19 20 21 22 23 24 25
week 35 26 27 28 29 30 31
Due Banner
Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

mattia_gennaro.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information