DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Gravidanza 9 Mesi Cellule staminali nel liquido amniotico
Cellule staminali nel liquido amniotico
Gravidanza - 9 mesi
Scritto da Eva Forte     Lunedì 08 Gennaio 2007 16:29    PDF Stampa E-mail
b_450_0_0_1___images_stories_gravidanza_novemesi_gravidanza_pic.jpgEsiste una via per ottenere cellule staminali embrionali senza dover produrre e poi distruggere un embrione? Si può superare i vincoli etici?

Due anni fa, Markus Hengstschlaeger, genetista all’Università Medica di Vienna, scoprì una traccia in questa direzione. Ha identificato nel liquido amniotico qualcosa che assomigliava alle cellule staminali, oltretutto fornito dello stesso marchio, l’Oct-4.

 “Che ne abbia l’apparenza non basta, naturalmente”, disse al tempo il ricercatore. “Bisognerebbe poter dimostrare che queste cellule sono in grado di fare ciò che sanno fare le staminali, ossia differenziarsi in duecento tipi diversi di cellula. Cosa che richiede molto tempo”.Oggi la situazione è cambiata molto ed è lo stesso Hengstschlaeger a dire “Siamo riusciti ad isolare le cellule staminali dal liquido amniotico, e con queste abbiamo ottenuto nervi e pelle”.

Poi oggi (8 gennaio 2007) la notizia su tutti i telegiornali - rendiamo spunto sull'informazione fornita sul TgCOM - di una scoperta italo-americana che potrebbe rivoluzionare il futuro della ricerca sulle staminali. Secondo uno studio firmato dall'Università di Harvard, Padova e dall'Istituto di Wake Forest, nel liquido amniotico si possono reperire cellule totipotenti capaci di differenziarsi, proprio come le embrionali, in cellule di tessuti, muscoli, nervi e ossa.

Il Vaticano: "Notizia che aspettavamo per superare problema etico". Insomma, una scoperta che si aspettava da anni per arrivare in aiuto alla medicina moderna e superare i muri etici posti dalla religione. "La nostra speranza è che queste cellule rappresentino una valida risorsa per la riparazione dei tessuti e anche per la creazione di nuovi organi", ha spiegato Anthony Atala, direttore dell'istituto di medicina rigenerativa alla Wake Forest University.

Tecnicamente parlando, la ricerca italo americana sembra aver individuato una strada alternativa per l'approvvigionamento di cellule non specializzate, superando la spinosa questione sull'utilizzo degli embrioni e sul relativo dibattito sull'inizio della vita a livello molecolare. vediamo come ci siamo arrivati. Lo studio condotto prelevando il liquido amniotico dalle donne incinte è stato pubblicato, dopo sette anni di test, dalla rivista "Nature Biotechnology", lo studio è iniziato prelevando liquido amniotico a donne incinte e si è concluso dopo sette anni di test.

I medici erano già al corrente che il liquido in cui cresce il feto contiene una grande quantità di cellule immature, ma non era chiaro se vi fossero anche staminali vere e proprie, vale a dire cellule indifferenziate capaci di specializzarsi in cellule di diversi organi. Dubbi a cui si è venuto positivamente a capo grazie agli scienziati americani e al team del professor Paolo De Coppi, che sono riusciti ad isolare le staminali all'interno del liquido scartato dopo l'amniocentesi di alcune gestanti e hanno coltivato il materiale prelevato trasformandolo in cellule di muscoli, nervi, grasso e del fegato. In percentuale si trovano solo l'1% d staminali rispetto al numero totale di cellule immanute presenti nel liquido, ma i risultati ottenuti dagli scienziati sono veramente incoraggianti.

"Abbiamo assistito a un parziale ripristino della funzionalità", ha dichiarato Atala, precisando i dettagli del progetto. Inoltre dai test è infatti risultato che le cellule ottenute in questa maniera riescono a produrre neurotrasmettitori, mentre quelle del fegato possono secernere urea.
Con quattro milioni di parti l'anno solo negli Stati Uniti, ha spiegato Atala, sarà facile raccogliere abbastanza campioni di cellule fetali da accumulare una banca dati che soddisfi le necessità di trapianto dell'intera popolazione. "Se si arrivasse a una banca di centomila campioni, il 99% della popolazione americana potrebbe trovarne uno geneticamente compatibile per un eventuale trapianto", ha assicurato lo scienziato.

[fonte TgCOM - ADUC]
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.


banner def 480
Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Gennaio 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 1 1 2 3 4 5 6
week 2 7 8 9 10 11 12 13
week 3 14 15 16 17 18 19 20
week 4 21 22 23 24 25 26 27
week 5 28 29 30 31
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

mattia_gennaro.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 

Corso gratuito

Bebè a casaA Roma corsi gratuiti dedicati alle future mamme e futuri papà e patrocinato dalla Provincia di Roma.  

Patrocinio della Provincia di Roma
Con la collaborazione della BCC di Roma
bcc pic
Corso gratuito per bambini di 6/7 anni: laboratorio di pittura creativa a Roma 

amoriincorso1
Per i più grandi
 

QR Code

QR Code di Mamme Domani

Chi è online

 747 visitatori online

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information