DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Gravidanza Articoli Gravidanze difficili: attenzione ai sintomi atipici della Celiachia
Gravidanze difficili: attenzione ai sintomi atipici della Celiachia
Gravidanza - Articoli
Scritto da Eva Forte     Giovedì 24 Febbraio 2011 18:14    PDF Stampa E-mail
celiachia in gravidanzaAlterazioni nella fertilità non altrimenti spiegabili, aborti ricorrenti senza una specifica causa, parti pre-termine, ridotto peso del neonato alla nascita, diminuzione della durata del periodo di allattamento. Secondo gli esperti queste potrebbero essere alcune delle conseguenze di una celiachia non ancora diagnosticata o non ancora trattata con una dieta priva di glutine.

La celiachia è un’intolleranza al glutine di origine genetica, caratterizzata da una reazione immunitaria a una proteina presente in molti cereali, il glutine, che porta ad un’infiammazione cronica a livello dell’intestino con conseguente danno alla mucosa e scomparsa dei villi intestinali. In Italia, nonostante l’incidenza della celiachia sia stimata intorno a 1 soggetto ogni 100 persone, i casi accertati risultano essere circa 80 mila e quindi notevolmente inferiori alla stima calcolata, evidenziando quindi come questa patologia abbia un sommerso da non sottovalutare.

Dieta

Segue il comunicato stampa:


Spesso nell’adulto, diagnosticare la malattia celiaca non risulta sempre facile perché oltre ai sintomi classici quali diarrea, dolori addominali e gonfiore intestinale, la celiachia presenta anche dei sintomi “atipici” come anemia, osteopenia, scomparsa delle mestruazioni e alterazioni a carico della sfera riproduttiva.

«Recenti studi clinici - spiega il Professor Carlo Catassi, Professore Associato di Pediatria, Università Politecnica delle Marche di Ancona – evidenziano come la malattia celiaca non diagnosticata possa dare luogo a alterazioni della vita riproduttiva di una donna non solo in termini di durata della vita riproduttiva stessa (menopausa precoce, menarca ritardato) ma anche termini di fertilità e di andamento della gravidanza. Alcuni recenti lavori mostrano una correlazione tra celiachia non diagnosticata e aumento degli aborti spontanei. Se tale percentuale infatti in una donna sana si aggira intorno al 10 per cento, in una donna celiaca non diagnosticata e quindi non ancora trattata, tale percentuale può arrivare a raddoppiare. Il dato confortante è però che se la donna celiaca è in dieta gluten free, il rischio di aborto torna ad essere pari a quello di una donna sana.»

«E’ quindi fondamentale pensare alla malattia celiaca e “cercarla” – dichiara il Dr. Giuseppe Caula, specialista gastroenterologo presso l’Ospedale Martini di Torino - sia di fronte ai sintomi tipici che a quelli cosiddetti “atipici”; i soggetti celiaci infatti presentano nel proprio sangue degli anticorpi che si possono determinare attraverso un semplice prelievo ematico. In caso di positività occorrerà confermare il sospetto di celiachia mediante un esame istologico dei villi intestinali (la cui morfologia è alterata nei soggetti celiaci) che verrà effettuato tramite una EGD-scopia, E’ importante sottolineare che è bene iniziare una dieta aglutinata solo dopo gli accertamenti, al fine di non inficiarne i risultati: con la dieta priva di glutine si assiste infatti ad una progressiva negativizzazione degli anticorpi e ad una normalizzazione della mucosa duodenale.»

Per favorire un approccio di ascolto “tradizionale” al momento dell’anamnesi dei pazienti possono essere seguite poche linee guida, in grado di aiutare i medici di medicina generale o gli specialisti a “sospettare” di una possibile celiachia e richiedere, oltre agli esami specifici per i sintomi in questione, anche il dosaggio degli anticorpi che marcano l’intolleranza.(Di seguito una tabella sintomi, professionistia cui rivolgersi).

SINTOMI EXTRAINTESTINALI    SPECIALISTA DI RIFERIMENTO
Poliabortività     ginecologo
Riduzione della fertilità    ginecologo
Epilessia    neurologo
Artriti e artralgie    reumatologo
Alterazioni dello smalto dentario     odontoiatra
Ipertransaminasemia     gastroenterologo
Cefalea    neurologo
Epilessia    endocrinologo
Astenia     internista
Anemia    ematologo, internista, gastroenterologo
Alopecia    dermatologo
Dermatite erpetiforme     dermatologo
Malattie autoimmuni    internista
Malattia di Down    pediatra

I problemi legati a un’eventuale infertilità causati dalla celiachia, che possono colpire sia l’universo femminile sia quello maschile, tendono comunque a risolversi con un periodo di dieta aglutinata, che può variare da pochi mesi a qualche anno.

«Dietro a queste alterazioni - dichiara la Dottoressa Letizia Saturni, Specialista in Scienze dell’Alimentazione della Scuola di Specializzazione in Scienze dell’Alimentazione dell’ Università Politecnica delle Marche - potrebbero esserci dei deficit nutrizionali: in particolare le carenze possono riguardare alcuni oligoelementi quali zinco e ferro (importanti per la funzionalità ovarica e per il ciclo mestruale), magnesio, calcio, selenio, così come anche l’acido folico, la vitamina B12, la vitamina K (che insieme al ferro svolge un ruolo fondamentale durante l’organogenesi), la vitamina B16 e gli acidi grassi essenziali omega 3 e omega 6. Non basta reintegrare tali elementi però, l’unica soluzione rimane una rigorosa dieta priva di glutine, equilibrata e variata, così da permettere la completa ristrutturazione della mucosa intestinale con conseguente ripristino della sua fondamentale funzione assorbente ad opera dei villi intestinali. Una dieta che allo stesso tempo deve seguire però anche tutte quelle raccomandazioni dietetiche che vengono normalmente raccomandate a donne non celiache durante una gravidanza.»

Ed infine è di grande attualità e molto dibattuta nel mondo scientifico la questione se non possa essere utile l’introduzione di uno screening per la celiachia, tramite test sierologici, da effettuare se non a tutte le donne in gravidanza, almeno a quei soggetti che presentano alterazioni della fertilità di origine sconosciuta o che hanno sperimentato una serie di aborti ricorrenti non altrimenti spiegabili. La questione, al momento rimane aperta, ma la linea generale è quella di fare sempre più informazione al fatto che dietro a questi problemi di fertilità è importante pensare ad una celiachia non ancora diagnosticata.

Le principali fonti dei micronutrienti carenti nelle persone con celiachia, dalle molecole ai cibi:

Acidi grassi essenziali: pesce azzurro, frutta secca
Calcio: latte, latticini, acqua, broccoli, cavolo, finocchi
Magnesio: legumi, cereali gluten-free integrali, frutta secca,  vegetali a foglie verdi, banane
Selenio: pesce, carne, cereali gluten-free, latticini
Vitamine del gruppo B: gruppo eterogeneo ma le fonti principali sono pesce, carne, uova, legumi
Vitamina K: verza, spinaci, broccoli, cavolo, cavolini di Bruxelles, cime di rapa, legumi (piselli, ceci)
Vitamina D: salmone, aringhe, latticini, latte, uova

Il comitato scientifico Dr.Schär
Da giugno 2009 Dr. Schär ha costituito un prestigioso comitato scientifico, punto di riferimento nel mondo della comunicazione sulla celiachia, da cui partono informazioni su tutte le iniziative di interesse medico e aggiornamenti scientifici su nuovi studi e ricerche. Il comitato è la voce scientifica ufficiale autonoma di Dr Schär e la provenienza pluridisciplinare dei suoi membri garantisce autorevolezza e competenza per tutte le aree coinvolte con l’intolleranza al glutine. Le “anime” che compongono il comitato sono la gastroenterologia, rappresentata dal Dottor Giuseppe Caula, specialista gastroenterologo presso l’Ospedale Martini di Torino , il ruolo dell’alimentazione e della dieta con la Dottoressa Letizia Saturni, Specialista in Scienza dell'Alimentazione presso l’Università Politecnica delle Marche e  la voce accademica rappresentata dal Professor Carlo Catassi, esperto di fama internazionale e ordinario di pediatria presso l’Università Politecnica delle Marche.

Per maggiori informazioni
Weber Shandwick Italia
Andrea Comaschi Tel. 02.57378214 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Francesca Pontiroli Tel 02.57378309 – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.


banner def 480
Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Gennaio 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 1 1 2 3 4 5 6
week 2 7 8 9 10 11 12 13
week 3 14 15 16 17 18 19 20
week 4 21 22 23 24 25 26 27
week 5 28 29 30 31
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

viviana.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 

La Ragnatela News

Corso gratuito

Bebè a casaA Roma corsi gratuiti dedicati alle future mamme e futuri papà e patrocinato dalla Provincia di Roma.  

Patrocinio della Provincia di Roma
Con la collaborazione della BCC di Roma
bcc pic
Corso gratuito per bambini di 6/7 anni: laboratorio di pittura creativa a Roma 

amoriincorso1
Per i più grandi
 

QR Code

QR Code di Mamme Domani

Chi è online

 804 visitatori online

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information