DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Gravidanza Articoli I pesticidi in gravidanza abbassano il QI del bambino
I pesticidi in gravidanza abbassano il QI del bambino
Gravidanza - Articoli
Scritto da Martina Paolucci     Venerdì 22 Aprile 2011 18:58    PDF Stampa E-mail
Gravidanza e pesticidiNon è una novità che il tipo di vita che la mamma sceglie influisca sul bambino che darà alla luce. Abbiamo già parlato tempo fa di come un'esposizione agli inquinanti possa comportare disturbi comportamentali nei bambini; inoltre, è noto come una dieta non equilibrata osservata dalla madre possa essere causa dell'obesità del neonato.

Oggi, gli ultimi studi svolti dalla Berkeley School of Public Health della University of California, dal Columbia Center for Children's Environmental Health della Mailman School of Public Health e dal Mount Sinai Medical Center fanno notare come anche l'esposizione a pesticidi possa essere dannosa molto più per il bambino che non per la mamma. La famiglia di pesticidi sotto accusa è quella degli organofosfati, che a detta dei ricercatori americani, sarebbe responsabile di un calo del quoziente intellettivo del bambino e della memoria nel lavoro.

b_450_0_0_1___images_stories_gravidanza_articoli_post_parto.gif
La Berkeley School of Public Health ha effettuato i suoi studi su bambini di 7 anni nella zona di Salinas, un centro agricolo della Monterey County, in California. In questa zona infatti, gli organofosfati sono la base dei pesticidi utilizzati in agricoltura. Gli altri due studi sono stati condotti su bambini di New York, prendendo in considerazione principalmente il Clorpirifos, il cui uso nelle abitazioni fu vietato nel 2001. I bambini analizzati sono nati prima che quest'agente fosse vietato e, a chi ne è stata rilevata un'alta concentrazione nel sangue del cordone ombelicale, è stato diagnosticato, sempre all'età di 7 anni, un calo delle capacità cognitive.

Lo studio mostra come un'esposizione del 25% maggiore rispetto agli standard possa portare a un calo del 5,5% nei test per la memoria nel lavoro, e del 2,7% del quoziente intellettivo. Questi studi dimostrano come sia l'esposizione prenatale ad essere dannosa, molto meno di quella durante il periodo infantile.

I rimedi e le precauzioni sono semplici: l'utilizzo di rimedi naturali in sostituzione dei pesticidi, una maggiore cura nel lavaggio della verdura e della frutta e, se possibile, il consumo di cibi biologici.
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Iscriviti per ricevere le offerte riservate ai nostri lettori e le informative

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Giugno 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

chiara_romidac.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information