DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Gravidanza Articoli Progetto Cicogna: un aiuto alle donne immigrate
Progetto Cicogna: un aiuto alle donne immigrate
Gravidanza - Articoli
Scritto da Martina Paolucci     Martedì 12 Luglio 2011 09:15    PDF Stampa E-mail
Progetto Cicogna: un aiuto alle donne immigrateSe sempre più immigrati e stranieri entrano in Italia e si fermano per viverci molto più a lungo rispetto al tempo di una vacanza, qualcosa a livello politico va fatto, soprattutto per i soggetti più a rischio. In questo caso i beneficiari, anzi, le beneficiare del nuovo "Progetto Cicogna" sono proprio le donne, extracomunitarie, in dolce attesa. Il progetto è stato ideato dalla Regione Lombardia, e partirà dal prossimo 18 luglio. L'iniziativa si rivolge in particolare alle donne extracomunitarie che non possiedono un permesso di soggiorno, garantendo loro così, ugualmente, la possibilità di essere seguite adeguatamente dalle strutture che si occupano di tutela della maternità e diritto all'assistenza sanitaria.

Il progetto vedrà collaborare i diversi uffici sanitari che appureranno le condizioni salutari delle donne per poi fissare loro all'Ufficio Immigrazione un appuntamento, tramite un'agenda elettronica creata ad hoc per l'iniziativa. Il consultorio si preoccuperà, una volta accertata la gravidanza, di consegnare alle pazienti una conferma dell'appuntamento e l'elenco di tutti i documenti necessari ad ottenere un temporaneo permesso di soggiorno, che permetterà loro di rimanere in Italia fino a dopo la nascita del bambino, insieme al padre.

Progetto Cicogna: un aiuto alle donne immigrate
Per l'occasione è stata anche creata una pagina web che, per poter essere accessibile davvero a tutte, è stata tradotta in diverse lingue: inglese, francese, spagnolo, arabo e cinese. Il sito permette di reperire tutte le informazioni necessarie per accedere al servizio e, soprattutto, in merito ai diritti che spettano alle donne in gravidanza. Inoltre, è stata inserita un'area riservata al personale sanitario per controllare lo stato della gravidanza delle immigrate.

Il progetto coinvolge le Asl delle Provincie di Milano e Monza e Brianza, che sotto la coordinazione della Regione, cercano così di ridurre il numero degli aborti che attualmente si attesta ad un 89%. Un tentativo, questo, di permettere a queste donne na vita migliore e tutelata.
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Iscriviti per ricevere le offerte riservate ai nostri lettori e le informative

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Giugno 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

mattia_gennaro.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information