DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Gravidanza Articoli 10.000 adolescenti, in Italia, incinte nel 2011
10.000 adolescenti, in Italia, incinte nel 2011
Gravidanza - Articoli
Scritto da Giorgia Marchesi     Giovedì 29 Marzo 2012 10:00    PDF Stampa E-mail
gravidanzaNel corso dell'anno 2011, in Italia, circa diecimila adolescenti sono rimaste incinte e secondo i dati elaborati  dal Progetto Giovani Mamme, attivo da un anno all’Ospedale San Paolo di Milano con il contributo della Fondazione Ambrosiana per la vita e l’Università Milano Bicocca, il 57% di loro sceglie di interrompere la gravidanza.

Negli ultimi tre anni è aumentato del 30% il numero delle minorenni incinte, di cui solo la metà italiane, che si sono rivolte ai consultori della Lombardia. Il Progetto, è stato attivato proprio per affrontare un fenomeno in costante crescita, quello delle madri adolescenti.

10000 adolescenti, in Italia, incinte nel 2011
Dal 2009 ad oggi il San Paolo ha assistito, su 3.927 parti, 181 donne sotto i 21 anni, di cui 35 tra i 14 e i 18 anni; dobbiamo anche considerare che nell'età dell'adolescenza, già di per sè complicata per altri fattori, affrontare una gravidanza comporta fattori di rischio per la relazione tra madre e bambino, sia per un rischio psicopatologico nelle mamme soprattutto di tipo depressivo; e poi per il rischio di trascuratezza e di maltrattamento del bambino.

Il Progetto prevede due fasi: un ambulatorio per accogliere le giovani mamme in attesa e un servizio di accompagnamento alla crescita, che sostiene le neo-mamme nei primi due anni di vita del bambino. Come commenta Cristina Riva Crugnola, responsabile scientifico del progetto, i primi risultati sono confortanti, infatti le mamme seguite nel primo anno di vita hanno aumentato la loro sensibilità e capacità di accudimento dei figli e, allo stesso tempo, i bambini mostrano legami sicuri verso le loro mamme. Molte delle donne seguite, quasi tutte con storie traumatiche alle spalle come abusi o perdita dei genitori nella prima infanzia, sono state aiutate a trovare nuovi percorsi di crescita insieme ai loro bimbi.

L’obiettivo del progetto, ora, è quello di aumentare il numero delle ragazze seguite, aumentare il coinvolgimento dei padri ed esportare il modello anche in altre strutture, per prevenire e arginare ancora di più i rischi dell’adolescenza.
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Iscriviti per ricevere le offerte riservate ai nostri lettori e le informative

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Maggio 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

arancia.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information