DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Gravidanza Articoli In Inghilterra buoni spesa per chi allatta al seno
In Inghilterra buoni spesa per chi allatta al seno
Gravidanza - Articoli
Scritto da Letizia Perugia     Mercoledì 13 Novembre 2013 14:24    PDF Stampa E-mail
allatam logoIn molti paesi, le donne sono restie ad allattare al seno i loro figli e preferiscono il biberon, l’Oms e i medici ricordano che allattare al seno, almeno fino al sesto mese del bimbo, è fondamentale per un corretto sviluppo fisico e psichico del nascituro.
 
Per incentivare l'allattamento al seno, nel Regno Unito è stato avviato un progetto pilota: verranno erogati dei buoni voucher alle madri che allatteranno al seno i loro piccoli anche se per ora, il progetto è limitato ad aree difficili dell’Inghilterra.
 
Allattamento al seno

Se il progetto avrà successo, potrebbe essere esteso al resto dell'Inghilterra, le mamme durante le prime sei settimane, beneficeranno di buoni per un valore di 120 sterline, nel caso in cui l’allattamento si protragga sino a sei mesi, la somma potrà lambire le 200 sterline.
 
Ppotranno essere spesi in buoni per i supermercati e i negozi del centro da 130 puerpere del South Yorkshire e del Derbyshire. 
 
Il progetto è dell’Università Sheffield con la collaborazione del governo e ha lo scopo di cambiare l’approccio all’allattamento al seno nelle aree più depresse dell’Inghilterra. 
 
Infatti qui le ragazze non solo si vergognano di allattare fuori di casa, ma anche in casa, per paura di attirare l’attenzione su una parte del corpo così esposta ad attenzioni di tipo sessuale. 
 
La notizia è apparsa sulla stampa inglese dal Guardian alla Bbc e ha scatenato un dibattito alimentato da chi considera diseducativo dare dei soldi per fare una cosa naturale come nutrire il proprio figlio. 
 
Questo non è però il primo esempio: il governo ha dato degli incentivi per correggere comportamenti scorretti come il fumo e l’abuso di cibo. 
 
Questo esperimento sulle mamme, se funzionasse sarebbe esteso su scala nazionale e non nasconde il desiderio di aiutare chi ha appena partorito.
 
Inoltre il Sistema sanitario nazionale risparmierebbe 40 milioni di sterline grazie agli effetti positivi dell’allattamento come la diminuzione di problemi come asma e allergie, il miglioramento delle difese immunitarie e le capacità visive e la prevenzione sulla madre per quel che riguarda il tumore al seno. 
 
Nelle zone in cui è in corso il programma soltanto una donna su quattro sta ancora allattando al seno alla sesta-ottava settimana rispetto alla media nazionale del 55%, ecco perché medici e funzionari sono interessati a portare a termine questa sperimentazione. 
 
Per le verifiche ci si affiderà alla autocertificazione e ai controlli delle ostetriche del posto. Questo tipo di incentivi non dovrebbero sorprendere, in Italia al limite te li danno per comprare il latte in polvere, come ha commentato Angela Giusti, ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità, referente per quel che riguarda i dati sull’allattamento a seno. 
 
Giusti ha dichiarato che i veri aiuti andrebbero dati per non lasciare sole le mamme, ad esempio in Francia le neo mamme hanno 300 euro al mese per ciascuno dei figli, oltre all’aiuto domestico. 
 
In Italia non ci sono i finanziamenti pubblici per fare un sistema di monitoraggio serio su questo tema e dall’ultima indagine Istisan risulta che a pochi giorni dal parto il 91,7% delle italiane e il 90,1% delle straniere allatta al seno. 
 
Il quinto Rapporto della Convenzione sui diritti dell’infanzia (2012) calcola che al momento delle dimissioni quelle che nutrono il neonato con il proprio latte superano l’80%, ma cosa succede dopo? Purtroppo le percentuali crollano. 
 
Questo accade perchè si torna in ufficio e non è semplice avere a disposizione un angolo tranquillo per usare il tiralatte per la poppata successiva. 
 
Nonostante le associazioni dei consumatori abbiano calcolato che il latte artificiale costi 1.200 euro l’anno per bambino, e che la soluzione naturale sia la più economica, la maggior parte delle mamme al terzo mese del bimbo è costretta a cedere alla polvere.
 
Il latte artificiale è privo della componente anticorpale e del famoso bifido batterio, particolarmente prezioso per l’intestino,come spiega la ginecologa milanese Stefania Piloni. 
 
La rivista pediatrica "Archives of Disease in Childwood" assicura che il latte, assieme al contatto pelle-bambino, aumenta le facoltà cognitive e migliora lo sviluppo neurologico. 
 
L’Oms lo raccomanda come alimento principale fino al sesto mese, ma ci sono anche mamme che non riescono a produrre latte e che per questo si sentono marchiate a vita.  Piloni spiega che la cosa importante è che la madre sia felice: meglio una mamma con il biberon di una che piange mentre allatta. 
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Iscriviti per ricevere le offerte riservate ai nostri lettori e le informative

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Giugno 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

chiara_romidac.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 

Corso gratuito

Bebè a casaA Roma corsi gratuiti dedicati alle future mamme e futuri papà e patrocinato dalla Provincia di Roma.  

Patrocinio della Provincia di Roma
Con la collaborazione della BCC di Roma
bcc pic
Corso gratuito per bambini di 6/7 anni: laboratorio di pittura creativa a Roma 

amoriincorso1
Per i più grandi
 

QR Code

QR Code di Mamme Domani

Chi è online

 815 visitatori online

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information