DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Bambini Articoli Volevano abortire, ma la parrocchia adotta il bambino
Volevano abortire, ma la parrocchia adotta il bambino
Bambini - Articoli
Scritto da Angela Messina     Mercoledì 28 Dicembre 2011 15:10    PDF Stampa E-mail
abortoLe storie a lieto fine fanno sempre bene al cuore e quella di oggi, che coinvolge un bambino, ancor di più. A Livorno, una coppia ha scoperto di essere in attesa del terzo figlio, ma con un solo stipendio, era impossibile mantenerlo. Così la coppia aveva deciso di abortire.

La donna si è recata alla chiesa di Santa Rosa e ha raccontato le sue intenzioni al parroco, Don Maurizio De Sanctis, conosciuto come padre Nike, che ha offerto la disponibilità della parrocchia a provvedere alle spese del bambino, impedendo che la gravidanza fosse interrotta.

parrocchia adotta bimbo prima che i genitori ricorrano all'aborto per questioni economiche
Grazie al suo intervento i genitori hanno deciso di cancellare l'appuntamento che era stato fissato in clinica per l'aborto e il parroco si occuperà del piccolo insieme al resto della parrocchia. Una specie di Progetto Gemma –  il programma di aiuto alla vita nascente gestito dal Movimento per la Vita a favore della future mamme in difficoltà – casereccio. Ma estremamente efficace.  I coniugi decidono infatti di tenere il bambino, che verrà idealmente adottato da una comunità di fedeli.

«La mia comunità parrocchiale ha un mutuo di 200 mila euro, ma un cuore più grande: oggi abbiamo salvato la vita di un bambino», ha scritto l’eccentrico sacerdote sulla sua bacheca di Facebook il 20 dicembre scorso. Raccontando poi la storia ai fedeli della chiesa di Santa Rosa da Viterbo, durante l’omelia della messa di Natale. Mi sono giocato l'ultima carta e ho detto loro che li avremmo aiutati. Abbiamo fatto di questo Natale il nostro Natale è stato come accogliere Gesù».

E così la comunità di circa quindicimila persone comprerà al bambino passeggino, vestitini, biberon e ciucci, tutto quello che serve quotidianamente a un bambino. «Solo così sono riuscito a convincere i genitori», ha detto don Maurizio. Il sacerdote, famoso per le sue piroette negli studi di Domenica in, è stato trasferito a Livorno poco più di un anno fa. E per la cittadina toscana è stato come un ciclone. Dopo il suo arrivo, dicono, i giovani sono tornati in chiesa. E alla messa domenicale nella parocchia di Santa Rosa da Viterbo arrivano anche i livornesi che abitano in altre zone della città.
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Maggio 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

chiara_romidac.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information