Scritto da Eva Forte   
Giovedì 15 Novembre 2018 12:08
Leggi tutto...Se state già dando uno sguardo in giro per i regali natalizi, ci piavcerebbe segnalarvi i giochi di una collana educativa, nata per l'età prescolare e che si occupa di tradurre le più avanzate teorie pedagogiche in prodotti semplici e accattivanti. Si chiama QUID ed è della Gribaudo. Oggi vi parliamo del gioco dedicato alla geografia, Scopriamo il mondo:

Conoscenza del mondo Natura e ambiente • Scienza • Corpo umano • Geografia • Storia dell’uomo. Scopriamo il mondo Geografia in gioco. Conoscere le capitali, la forma e la posizione dei principali Paesi del mondo non è mai stato così semplice! Grazie all’utilizzo delle carte da gioco flash card e al fantastico mappamondo gonfiabile, il tuo bambino incrementerà il suo spirito di osservazione e le sue capacità di associazione attraverso un gioco appassionante e divertente.

 


Scritto da Maurizio Murgia   
Giovedì 15 Novembre 2018 09:45
Leggi tutto...Del Bello/Gisci: “Ritardo intollerabile della legge. Ci vuole più coraggio contro il razzismo e per i diritti dei bambini”.

“A matita siamo tutti uguali”. Lo dicono i bambini delle scuole del Municipio Roma II per sottolineare che tra loro non sentono differenze legate alle etnie di provenienza. A penna, invece, per la legge, non hanno gli stessi diritti: quelli nati da genitori stranieri non sono cittadini italiani. Ecco perché, per la Giornata Internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’Adolescenza, il Municipio ha deciso di riconoscere loro la cittadinanza simbolica. 
L’evento si terrà il 21 novembre all’Aula Magna della Sapienza Università di Roma che patrocina l'iniziativa, insieme a 600 bambini e bambine. A partire dalle 10 racconteranno con le loro storie e, con la loro semplicità, le ingiustizie che si verificano nel nostro Paese per la mancanza di una legge sullo Ius Soli.
Il secondo Municipio ha approvato la delibera di Giunta “Riconoscimento simbolico della cittadinanza municipale nella giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”. Un provvedimento orientato ai principi di non discriminazione dei minori che sono alla base della Convenzione Internazionale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza dell' Assemblea Generale delle Nazioni Unite (20 novembre 1989).

 
Scritto da Eva Forte   
Martedì 06 Novembre 2018 18:37
Leggi tutto...Molti di voi si ricorderanno il progetto "Adottiamo Insieme" e finalmente lo ripropone a tutti i suoi lettori e associati. Per chi non ne avesse mai sentito parlare prima, il progetto è nato anni fa dal desiderio di adottare a distanza un bambino anche non disponendo della somma annuale per poterlo fare. L'Associazione Mamme Domani ha dato il via a questo progetto per raccogliere i fondi per adottare i bambini bisognosi del Bangladesh, con una forma di solidarietà che coinvolge sia le famiglie adottive che la famiglia del bimbo adottato.

Come funziona: Se vuoi far parte della grande famiglia di Mamme Domani e adottare a distanza un bambino insieme ad altre famiglie, devi effettuare una donazione libera a Mamme Domani ONLUS specificando nell'oggetto "adottiamo Insieme" e il nome del bimbo o della bimba per cui si sta facendo la raccolta fondi nel momento in cui si procede con il pagamento.
 
Scritto da Giulia Gori   
Mercoledì 24 Ottobre 2018 12:26
Leggi tutto...Invenzione simbolo della sensualità femminile, dopo oltre un secolo di storia, il reggiseno continua a evolversi e si afferma oggi anche come capo d’abbigliamento, segnando l’inizio di una nuova rivoluzione dell’underwear. Ma voi sapete la storia del reggiseno?
Tutto ebbe origine il 3 novembre del 1912, quando Mary Phelps Jacob si accorse che il suo abito da sera lasciava intravedere le stecche del corsetto sottostante, e con due fazzoletti uniti da un nastro diede vita al primo reggiseno. Oggi la scelta sul mercato è davvero ampia – con o senza ferretto, a balconcino, imbottito, senza spalline, in pizzo o materiale tecnico – tanto che le donne scelgono il proprio modello a seconda dell’abbigliamento che intendono indossare e dell’occasione, fino a farlo diventare parte integrante dell’outfit. Il reggiseno, infatti, si è ormai emancipato dalle convenzioni e viene indossato con disinvoltura al pari di un accessorio o di un capo d’abbigliamento, senza più risultare inappropriato. Privalia, il sito di shopping online leader in Italia, ha deciso di indagare con un sondaggio i gusti, le abitudini e le nuove tendenze in fatto di lingerie tra le sue clienti italiane di età compresa tra i 20 e i 45 anni.
 
Scritto da Eva Forte   
Venerdì 19 Ottobre 2018 19:22
Leggi tutto...Soprattutto dopo aver avuto un figlio, la riocerca della giusta contraccezione divemnta una esigenza per la mamma che vuole vivere la propria sessualità con la massima serenità. Molte donne anche dopo uno o più parti, ha ancora cicli dolorosi e abbondanti e il desiderio di ridurre i giorni di ciclo durante l'anno. Molte soffrono nel periodo del pre-ciclo, molte altre ancora stanno male durante i giorni mestruali. L'idea di avere il ciclo solo quattro volte l'anno potrebbe essere un sogno, un'utopia che lascerebbe ogni donna più rilassata con il proprio corpo. A quanto pare esiste la soluzione, soprattutto per chi già utilizza la pillola anticoncezionale come sistema abituale, assumendo così la pillola per 21 giorni e vedendo un ciclo ridotto nella finestra che si apre tra un blister e quello successivo. Ma se anche così mal di testa, cicli abbondanti e vari effetti collaterali perdurano ogni mese, si può pensare all'assunzione della pillola delle 4 stagioni, di nuova generazione. In vendita esistono molte pillole che tendono a dare amenorrea o leggero spotting, grazie alla combinazione di estroprogestinici che si assumono in modo continuativo.

 
Scritto da Eva Forte   
Venerdì 05 Ottobre 2018 10:44
Leggi tutto...LINES Specialist Maternity, le mutandine assorbenti usa e getta e dal design femminile pensate da LINES per le perdite post parto, si presentano alle future mamme il 6 e 7 ottobre al Parco Esposizioni di Novegro (Milano) partecipando a Bimbinfiera, la principale fiera italiana dedicata alle famiglie.
Le future mamme saranno accolte dalle esperte di LINES Specialist Maternity e dall’ostetrica Carla Rucci che fornirà loro tutte le informazioni sul nuovo prodotto assorbente LINES. L’ostetrica è, infatti, un punto di riferimento fondamentale per tutte le donne che devono intraprendere il fatidico viaggio verso la maternità perché grazie ai suoi preziosi consigli è più semplice capire come gestire qualche naturale difficoltà, come le perdite post parto.


 
Scritto da Eva Forte   
Mercoledì 26 Settembre 2018 14:00
Leggi tutto...Julia, Sveva, Elizaveta, Adnan, Shoma: sono solo alcuni dei nomi dei ragazzi e delle ragazze, dai 14 ai 18 anni, che da pochi giorni hanno iniziato a frequentare l’International School di Milano vivendo insieme nel nuovo college che il Gruppo Inspired ha inaugurato, alla presenza dell’Amministratore Delegato Europa di Inspired Education Group, Marc Ledermann, e degli studenti e delle loro famiglie che per primi sperimenteranno questa nuova realtà internazionale nel cuore di Milano.
 
La vocazione del Gruppo Inspired è la formazione internazionale di alta qualità: le 35 scuole in 5 continenti offrono a oltre 26.000 studenti un percorso formativo con il programma IB, International Baccalaureate https://www.ibo.org/about-the-ib/, che prepara all’accesso alle università più prestigiose al mondo da Cambridge, Oxford, fino ad Harvard, Stanford fino all’Università Bocconi.
 
 
Scritto da Giulia Gori   
Mercoledì 12 Settembre 2018 09:49
Leggi tutto...Asili nido e scuole materne hanno appena iniziato il periodo di inserimento:  per i bambini che li frequentano e le loro mamme, che siano lavoratrici oppure casalinghe, è quindi arrivato il momento di separarsi l’uno dall’altra per diverse ore della giornata. Il distacco, ancor più faticoso il primo anno ma comunque sempre difficile al termine delle vacanze estive, trascorse insieme 24 ore su 24, può diventare davvero traumatico per entrambe le parti, se non viene affrontato con la giusta serenità.

Si parla molto di come aiutare il bambino a superare questa fase critica, ma alle molte mamme che vivono la separazione come una perdita spesso non viene data la giusta attenzione. Top Doctors® (www.topdoctors.it), la piattaforma online che seleziona e mette a disposizione degli utenti un panel formato dai migliori medici specialisti e psicologi di tutto il mondo, vuole aiutarle fornendo alcuni efficaci consigli alle donne che faticano a superare questo momento cruciale del proprio ruolo di genitrice o non sanno come rendere il distacco più semplice per il proprio bambino.

 
Scritto da Eva Forte   
Martedì 11 Settembre 2018 19:21
Leggi tutto...
Maglia e uncinetto, una gioia che ogni donna nella vita deve prima o poi sperimentare. E così in soli sei anni We Are Knitters - brand di moda, maglia e uncinetto fondato dagli spagnoli María José Marín e Alberto Bravo - si è trasformato in una marca internazionale: famosa per i suoi kit per maglia e uncinetto, per la qualità dei suoi gomitoli di diversi materiali e filati, e, soprattutto, per aver creato una appassionata community online che ama condividere i propri capolavori realizzati a mano. In Italia la passione per la maglia e l'uncinetto riemerge in moltissime quando si è in attesa di un bebè, per il corredino, ma non dobbiamo sottovalutare l'arte del fai da te anche in altre fasi della nostra vita. Da poco arrivato anche in Italia, oggi il progetto vanta oltre 25.000 kit venduti in 20 paesi del mondo e in soli 7 mesi circa l’Italia ha raggiunto il 5% del fatturato aziendale. Uno dei punti di forza dell'iniziativa risiede sicuramente nel rilancio del knitting come "terapia" (anti-stress di base, ma anche con altri effetti benefici), così come si evince dallo slogan scelto da María José e Alberto, i fondatori di We Are Knitters: All the happiness in a kit. Hobby foriero di "felicità", ma anche di supporto per le persone che devono gestire un dolore fisico a lungo termine o per coloro che si trovano ad affrontare un periodo di depressione.

 
Scritto da Eva Forte   
Giovedì 30 Agosto 2018 12:19
Leggi tutto...Dati poco incoraggianti quelli che legano il mondo infantile alla mala alimentazione. Secondo una recente mappatura realizzata dal Joint Research Centre della Commissione Europea il 31% dei bambini italiani soffre di obesità, dato confermato anche dai risultati del WHO Childhood Obesity Surveillance Initiative (COSI), che ci ha inseriti all’ultimo posto col 21% di bambini obesi o in sovrappeso, pari a uno su cinque. Non va meglio in Europa dove su 9 Paesi è obeso 1 bambino su 3. Uno scenario preoccupante che ha portato l’Organizzazione Mondiale della Sanità a definire l’obesità infantile come uno dei problemi di salute pubblica più gravi del ventunesimo secolo. Ciò che emerge è la mancanza di una corretta educazione alimentare infantile.

 
Inizio Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. Fine

Pagina 1 di 604

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information