DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Bambini Articoli Ecco l'ora della merenda 2.0: i pareri delle mamme in rete sulla merenda
Ecco l'ora della merenda 2.0: i pareri delle mamme in rete sulla merenda
Bambini - Articoli
Scritto da Eva Forte     Mercoledì 07 Novembre 2012 15:28    PDF Stampa E-mail
merendeNei mesi scorsi abbiamo partecipato a una interressante Survey sulla merenda dei nostri figli. L'indagine, indetta da Merendineitaliane.it, ha coinvolto 100 mamme tra blogger e redattrici di siti web dedicati ai bambini. Il tutto per capire come si fa merenda ma anche quale sia il pensiero maggiormente diffuso sull'inserimento delle merendine nella dieta dei bambini.

Il 6 ottobre poi abbiamo preso parte all'Open Day, presso il Museo per i Bambini di Roma, Explora, dove sono stati presentati i risultati dell'indagine e si è dato il via a un dibattito su quanto emerso. I risultati sono stati entusismanti, vedendo come la maggior parte delle famiglie dedichi positivamente del tempo per la merenda o le merende. Il mio pensiero è che forse i risultati siano stati così ottimali proprio perché le persone coinvolte, sono sicuramente mamme molto sensibili all'argomento bambini e alimentazione.

l'ora della merenda 2.0
Si è visto come il 63% dei bambini fa colazione sia la mattina che il pomeriggio, con al primo posto yogurt e frutta (ottimo!), al secondo panini farciti, mentre al terzo si sono posizionati i prodotti da forno confezionati.

Un risultato entusiasmante ma che cozza fortemente con i dati sull'alimentazione infantile degli ultimi anni, dove si vede come l'obesità infantile sta dilagando sempre più divenendo un sicuro indice di una errata alimentazione. C'è di buono però che le mamme intervenute all'evento, sono come noi persone che comunicano determinati valori e si spera quindi che il diffondere come sia corretto avviare una giusta alimentazione fin dall'infaniza, possa arrivare alle orecchie di tutti, su diversi canali.

Parlando con i nostri utenti subito dopo la giornata dell'Open day, ho visto come questi dati non siano poi confermati dalle mamme e papà che lavorano in altri settori: moltissimi non fanno proprio fare la merenda ai propri figli, affidandosi alla scuola nella settimana e saltandola al di fuori. Molti usano le merendine per comodità, mentre altre mamme non le considerano proprio evitando di dare dolci ai figli come merenda. Un peccato, perchè la merenda oltre ad essere importante per l'alimentazione, è un importante momento di relazione genitori-figli, meglio ancora se fatta in casa e seduti tutti insieme, anche per condividere le esperienze della propria giornata.

Molto interessante il confronto con gli esperti: Anna Maria Ajello, psicologa dell’educazione e docente di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione presso l’Università di Roma La Sapienza e Michelangelo Giampietro, nutrizionista e medico dello sport.

Soprattutto sulle classiche merendine acquistate ci sono diversi tabù da abbattere e molte delle mamme presenti hanno fatto presente come sia più saliutare una fetta di torta fatta in casa piuttosto che una merendina acquistata, anche se è stato fatto notare che al contrario dare una merenda di cui si sanno i valori nutrizionali e calorici, contro una fetta di torta che può essere light ma anche eccessivamente calorica (così come il panino farcito che spesso è un vero e proprio pasto e non una merenda di metà pomeriggio) che non tiene quindi conto del giusto apporto nutrizionale del momento.

Un altro punto sollevato dalle super mamme espertissime di alimentazione è l'utilizzo di oli vegetali, non sempre ben identificati all'interno delle etichette. Si è tanto parlato dell'Olio di Palma e della sua presenza in molti alimenti preconfezionati. Il tutto poi messo  confronto anche con le merende acquistate non confezionate e di cui quindi non si sa nulla sulla composizione (basti pensare alla tanto amata pizza bianca). 

Quindi cosa dobbiamo fare? Prima di tutto non fare mai saltare le merende, mattina e pomeriggio, alternando il più possibile i cibi proposti: yogurt, frutta, pizza, panini (senza esagerare con dimensioni e farcitura)... e anche merendine, comode soprattutto negli orari scolastici o nelle gite fuori casa.



Di seguito ne approfittiamo per dare utili consigli forniti dagli esperti del sito www.merendineitaliane.it  che ci aiutano ad esplorare questo momento fondamentale nella crescita dei ragazzi, offrendo consigli ai genitori perché è proprio intorno alla tavola di casa che si impara a mangiare correttamente con misura, varietà e piacere.

FONDAMENTALE IL VALORE DELL’ESEMPIO, NO A LISTE DI ALIMENTI BUONI O CATTIVI 
Tutti amiamo mangiare ciò che più ci piace e bambini e ragazzi non fanno eccezione. È fondamentale però che il gusto sia educato. E se è importante che i bambini mangino con piacere e che il momento dei pasti venga vissuto con spontaneità, allo stesso tempo va perseguito il senso del limite e della moderazione, che i bimbi devono imparare il prima possibile.

I genitori devono cercare di trovare un equilibrio tra controllo, divieti e “laissez-faire”. “Come prima cosa –  spiega Anna Maria Ajello, psicologa dell’educazione e docente presso l’università di Roma La Sapienza – evitate liste di alimenti buoni e cattivi: per i bambini più piccoli sono incomprensibili e per i più grandi costituiscono un elemento di potenziale trasgressione. Molto più utile diversificare l’alimentazione, in modo che bambini e ragazzi non si concentrino solo su alcuni alimenti, quelli per loro più appetitosi”.

È importante poi coinvolgere i propri figli nelle decisioni in campo alimentare: “siate attenti – continua la dottoressa Ajello dalle pagine di www.merendineitaliane.it - a costruire con loro il menù che durante la settimana intendete proporre, per renderli sempre più consapevoli dei criteri di scelta e quindi potenziali alleati nella realizzazione della vita quotidiana a tavola”.

Una regola vince su tutte: adottare per primi un comportamento alimentare corretto, per poter essere un “modello” per i propri figli. 

DALLO “SPUNTINO” ALL’INGRESSO IN CUCINA: CONSIGLI PRATICI PER“AUTOGESTIRE” LA MERENDA
Ma come far capire ai propri bambini qual è il comportamento corretto nei confronti della merenda? Ecco i consigli di Maria Rita Spreghini, nutrizionista pedagogista: “Prima di tutto dobbiamo parlare con i bambini e anche i giochi di parole possono aiutarci. Ripetere al bambino che a metà mattina e a metà pomeriggio si fa uno “spuntino”, non uno “spuntone” aiuta i bambini a ricordare che non si deve eccedere con le quantità. La merenda deve solo “ricaricare”, per non far arrivare il bambino troppo affamato al pasto successivo, ma nemmeno troppo sazio”.

La merenda è infatti un piccolo pasto che deve fornire circa il 5-7% dell’energia che ci serve quotidianamente. “È importante non saltarla per avere un’alimentazione equilibrata è fondamentale infatti che ci siano 5 pasti nel corso della giornata: prima colazione, spuntino di metà mattina, pranzo, merenda del pomeriggio e cena.Non utilizziamo la merenda o lo spuntino come un premio – raccomanda la dott.ssa Spreghini – i bambini devono imparare che mangiare correttamente è un impegno per la loro salute, che è importante per il loro benessere e non è la ricompensa per un’attività svolta”.

Per far sì che i bambini acquisiscano delle corrette abitudini è molto importante affiancarli: “Preparare la merenda insieme è il modo più utile per capire le porzioni e cosa scegliere: per questo è consigliabile far sì che i bambini entrino in cucina e che siano presenti nel momento in cui si sceglie cosa mangiare, invece di  dare loro una merenda già decisa da noi. Per questo preparare insieme un piccolo panino, una macedonia di frutta o scegliere dei biscotti, una fettina di crostata o ciambella  o una merendina da forno confezionata è un modo perché il bambino apprenda con l’esempio cosa è più giusto mangiare in quel momento della giornata ”.
 
LA MERENDA GIUSTA AL MOMENTO GIUSTO
Per spiegare ai bambini che ogni alimento deve essere adatto ad un determinato momento della giornata, può essere utile anche ricorrere a qualche metafora: “Il cibo è come un vestito, si sceglie in base all’occasione parlare con semplicità ai bambini è un modo per fargli capire le differenze tra i vari alimenti. Ad esempio, se un bambino chiede la pizza a merenda, proviamo a fargli capire che è un cibo più adatto per cena che per uno spuntino, un po’ come se volessimo andare ad una festa di compleanno in pigiama. Proponiamogli soluzioni valide e, allo stesso tempo, gustose per un bambino come una merendina da forno, un piccolo panino dolce o salato, oppure un frutto di stagione, accompagnati da tè, latte, una spremuta, un frullato,oppure un semplice bicchiere d’acqua: è importante infatti non trascurare i liquidi e la frutta, che i bambini fanno sempre fatica ad accettare”.

Qualche consiglio per invogliare i bambini a mangiare anche la frutta a merenda? “Il modo migliore – assicura la dott.ssa Spreghini – è puntare sul colore, che attira molto i bambini. Per cui spazio a frutti colorati (e ricchi di vitamine) come arance, mandarini, mele, scegliendo preferibilmente frutta matura e di stagione. Un’idea che funziona è organizzare un frutta-party: proporre, cioè, ai bambini, un buffet in cui la frutta sia protagonista, ricco di macedonie, spiedini di frutta e dolcetti alla frutta. Proviamo poi a far assaggiare ai bambini anche frutti meno noti, come il melograno, un perfetto anti-ossidante, dal sapore dolce e anche “divertente” da scoprire, dal momento che per gustarlo si devono prendere ad uno ad uno i vari chicchi. Una buona abitudine da tenere a mente quando parliamo di merenda è concedere il giusto tempo per consumarla: è importante che i bambini capiscano che il cibo è un valore – conclude la dott.ssa Spreghini – anche la merenda non deve essere consumata frettolosamente, ma va gustata. Per cui evitiamo di far mangiare i bambini in macchina  mentre rientrano  a casa dall’allenamento  sportivo o dalle lezioni  e cerchiamo anche, entro i limiti del possibile, di non lasciarli mangiare la merenda da soli davanti alla tv o al computer, in attesa del rientro dei genitori”.
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.


banner def 480
Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Gennaio 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 1 1 2 3 4 5 6
week 2 7 8 9 10 11 12 13
week 3 14 15 16 17 18 19 20
week 4 21 22 23 24 25 26 27
week 5 28 29 30 31
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

mattia_gennaro.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 

La Ragnatela News

Corso gratuito

Bebè a casaA Roma corsi gratuiti dedicati alle future mamme e futuri papà e patrocinato dalla Provincia di Roma.  

Patrocinio della Provincia di Roma
Con la collaborazione della BCC di Roma
bcc pic
Corso gratuito per bambini di 6/7 anni: laboratorio di pittura creativa a Roma 

amoriincorso1
Per i più grandi
 

QR Code

QR Code di Mamme Domani

Chi è online

 813 visitatori online

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information