DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Bambini Articoli Le "ragazzine doccia": minorenni che si prostituiscono nei bagni della scuola
Le "ragazzine doccia": minorenni che si prostituiscono nei bagni della scuola
Bambini - Articoli
Scritto da Letizia Perugia     Martedì 30 Novembre 1999 01:00    PDF Stampa E-mail
adolescenti1Sono chiamate le "ragazze doccia" (così come ci si fa la doccia tutti i giorni, loro quotidianamente fanno sesso), sono delle adolescenti, in genere di famiglie benestanti, che si prostituiscono nei bagni delle scuole in cambio di oggetti: questo fenomeno è stato studiato dall’equipe del prof. Luca Bernardo, direttore del reparto di pediatria dell’Ospedale Fatebenefratelli di Milano.
 
Secondo i dati del dossier, le ragazzine hanno tra i 14 e i 16 anni, vengono da scuole private e per ora sono state individuate otto ragazze, ma il fenomeno è molto più esteso. Il caso delle "ragazze doccia" è stato rivelato dal "Coriere della Sera" e coinvolgerebbe ragazze dai 14 ai 16 anni, che scelgono di prostituirsi in cambio di regali.
 
Ragazze Prostituzione

I clienti vengono scelti in base a ciò che possono dare in cambio alle ragazze, durante le lezioni delle prime ore sui telefonini gira il menù con prestazioni, richieste e orari per gli appuntamenti nei bagni, dove avvengono i rapporti sessuali. 
 
Queste ragazze offrono le loro prestazioni anche a più persone, per loro è una specie di gioco, pericoloso, nel quale pensano di dominare e irretire i loro clienti. 
 
Finora gli esperi hanno accertato otto casi, sette di ragazze di “famiglia bene” del centro di Milano e una invece proveniente dalla periferia. 
 
Le scuole coinvolte in questo giro sono in maggioranza istituti privati e nessuna di queste minorenni ha parlato subito e liberamente della cosa, la confessione è arrivata sempre all’interno di un percorso di assistenza relativo ad altri tipi di problematiche come la droga o il bullismo. 
 
Il professor Bernardo ha realizzato un reparto pediatrico di eccellenza costruendo un ambiente colorato e sereno con vari programmi di assistenza ai ragazzi e stà approfondendo il fenomeno. 
 
Il sospetto è che con il tempo la pratica si sia addirittura evoluta: in questi ambienti sicuramente girano anche soldi, sembra che ora ci siano dei ragazzi, dai diciassette anni in su che fanno da procacciatori di clienti e il timore è che nel giro, già molto preoccupante, stiano entrando anche dei clienti adulti.
 
Dagli interrogatori delle due squillo adolescenti di Roma che hanno fatto emergere il caso, viene alla luce che i cinque clienti adulti arrestati erano al corrente dell'età delle loro amanti. Inoltre le madri sapevano o "avevano intuito".
 
Dopo il caso delle due baby-prostitute romane e l'allerta lanciato dal vescovo ausiliare de L'Aquila Giovanni D'Ercole su un analogo fenomeno in Abruzzo, il campanello d'allarme suona anche in Lombardia. 
 
Sono adolescenti in cerca di popolarità, che hanno usato il corpo per “irretire” coetanei, offrendo prestazioni sessuali in cambio di ricariche del cellulare, telefonini e altri beni materiali. 
 
Una realtà che hanno vissuto 8 ragazzine milanesi, 7 delle quali di famiglie benestanti e iscritte a scuole private, nel 2009, e che ora ne sono venute fuori, grazie al percorso di riabilitazione intrapreso presso l’ospedale Fatebenefratelli di Milano con l’equipe di Luca Bernardo, direttore del reparto di Pediatria. 
 
Sono diverse dalle baby squillo dei Parioli di Roma, spiega Bernardo, ma se non fossero entrate in questo percorso di recupero, è probabile che sarebbero magari finite a prostituirsi in cambio di denaro, con adulti.
 
Secondo Bernardo, un genitore se è attento, non riesce a non cogliere i segnali d’allarme, come vedere che la propria figlia che cambia giro di amici, frequenta persone molto più grandi e ha disponibilità di denaro.
 
Nel caso delle ragazze milanesi si trattava di famiglie cosiddette per bene, ma difficili all’interno, c'era di solitudine, noia, rabbia e il corpo percepito come un disvalore, usato per divertirsi e ottenere popolarità.
 
Poi c’era la voglia di denaro e avere le cose migliori, come più cellulari, proprio per essere popolari, non pensavano di far del male né avevano rimorsi, ma poi hanno capito che sbagliavano. 
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.


You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.


Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Dicembre 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 48 1
week 49 2 3 4 5 6 7 8
week 50 9 10 11 12 13 14 15
week 51 16 17 18 19 20 21 22
week 52 23 24 25 26 27 28 29
week 1 30 31
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

mattia_gennaro.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information