DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Bambini Articoli Le fiabe aiutano a superare l'ansia da nido e asilo
Le fiabe aiutano a superare l'ansia da nido e asilo
Bambini - Articoli
Scritto da Tatta Bis     Lunedì 19 Gennaio 2015 09:03    PDF Stampa E-mail
bimba piantoLe fiabe sono delle maestre di vita, sono un utile strumento per affrontare separazioni e traumi, come l'ingresso al nido, all'asilo o a scuola: arriva dalle fiabe il segreto per vincere le ansie dei bambini, che spesso accompagnano i piccoli grandi distacchi della vita quotidiana. 
 
Le fiabe non rappresentano solo un momento di svago e distrazione, antidoto contro l'insonnia o compagne di tante sere passate a cercare di far addormentare i propri figli. Le favole sono una delle forme di comunicazione più antiche e rappresentano anche uno strumento utile per elaborare sofferenze e insegnare ai più piccoli come affrontare il mondo. 
 
 
mamma e bimba leggono favola

Questa la tesi del libro "Le fiabe per andare sereni al nido e a scuola. Per grandi e piccini", una raccolta di racconti pensati per facilitare un passaggio importante spesso fonte di paura e agitazione, sia per i genitori che per i figli.
 
Attraverso l'identificazione con i personaggi (principi e principesse, animali, gnomi o fate), le fiabe aiutano a entrare in contato con i problemi della vita e ad affrontarli e insegnano la coesistenza del bene e del male in ogni azione umana in cui il bambino di oggi e l'adulto di domani si troverà coinvolto, come spiegano gli autori, Giancarlo Malombra ed Elvezia Benini.
 
Tramite un universo di simboli e facendo leva sulla parte emotiva, aiutano a comprendere il senso del limite, perché hanno un inizio e una fine, mostrano le difficoltà della vita e come superarle, come affrontare gli imprevisti, trovando soluzioni strada facendo. 
 
Magari anche ricorrendo all'aiuto della magia. Le fiabe infine, possono essere utili anche agli adulti per calarsi nel come eravamo.
 
I bambini vanno ascoltati, ma il primo bambino che ha bisogno d'ascolto e di cura è quello interiore, il bambino che siamo stati e che vive dentro di noi. Solo così, concludono  gli autori, si possono aiutare figli, nipoti e alunni in una crescita armonica.
 
Per fobia della scuola si intende quella situazione di ansia e disagio che hanno alcuni bambini quando è il momento di recarsi alla scuola materna o alle elementari, prevalentemente al mattino.
 
Questa fobia è caratterizzata da vaghi disturbi tipo nausea, mal di pancia, mal di testa, ma anche febbricola, mal di denti, mal d'orecchie, macchie sulla pelle, dolori generici alle ossa. 
 
Spesso tali disturbi svaniscono nel fine settimana o durante le vacanze, il bambino con l'ansia per la scuola anche quando è in classe piange e vuole la mamma o pretende di essere riportato a casa.
 
L'ansia per la scuola si manifesta quasi sempre al momento del primo impatto con la vita di collettività, cioè a tre anni. 
 
Alcuni bambini hanno la stessa reazione a sei anni, all'inizio delle elementari e in molti casi il rifiuto per la scuola si presenta dopo un primo periodo di accettazione del nuovo quando, esaurita l'iniziale fase di novità, il bambino capisce di dovere rimanere lontano da casa e dai genitori per buona parte del giorno.
 
La paura della scuola è ansia di separazione dalla casa, dalla mamma, considerati dal piccolo come il posto più sicuro e tranquillo dove stare. 
 
L'ansia da separazione a volte può portare a perdere la stima di sé e ad avere difficoltà ad affrontare da solo le situazioni future.
 
Talvolta la fobia della scuola si accentua se il piccolo incappa in un'insegnante severa, o in un gruppo di coetanei che si impongono con la forza.
 
Se il problema non è legato ad altre tensioni psicologiche di fondo, l'ansia per la scuola svanisce nel giro di poche settimane e non necessita di interventi drastici immediati. 
 
La paura della scuola non è altro che un percorso, anche se in parte sofferto, che i bambini devono compiere per rendersi indipendenti a piccoli passi dall'ambiente domestico e per inserirsi nella vita sociale.
 
Secondo gli esperti proprio dalla fiabe i piccoli imparano a vivere, ad affrontare il mondo circostante e a separarsi dai genitori. Le fiabe diventano uno strumento per insegnare le difficoltà della vita e come superarle, trovando sempre la giusta soluzione.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Giugno 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

chiara_romidac.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information