DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Benessere Articoli Allarme Oms: le malattie infettive sempre più resistenti agli antibiotici
Allarme Oms: le malattie infettive sempre più resistenti agli antibiotici
Benessere - Articoli
Scritto da Angela Messina     Giovedì 07 Aprile 2011 16:00    PDF Stampa E-mail
antibioticiL'OMS Europa lancia un allarme: la resistenza ai farmaci sta diventando sempre più grave e molte infezioni non si possono più curare con facilità: richiedono trattamenti prolungati e costosi ed espongono a un maggiore rischio di morte. Inoltre, meno del 5% dei farmaci attualmente in sperimentazione è composto da nuovi antibiotici. Grazie all’uso dei farmaci antibiotici, siamo arrivati a combattere malattie come la meningite batterica, forme di polmonite che erano considerate fulminanti in altre epoche; la mortalità generale della popolazione è diminuita e si è allungata la vita media anche grazie agli antibiotici che non vanno criminalizzati, ma vanno usati correttamente: prima di tutto va ricordato che agiscono solo sui batteri e che questi alla lunga tendono a modificarsi per adattarsi al medicinale per sopravvivere.

Questi gli esempi più comuni su cui riflettere al momento, ma l’Oms punta l’indice anche e soprattutto su problematiche più vaste: ogni anno 25.000 persone, solo nella zona dell’Unione Europea perde la vita per infezioni da batteri antibiotico-resistenti e nella maggior parte dei casi il contagio avviene nelle strutture ospedaliere e sanitarie. Non solo: gli antibiotici vengono usati anche negli animali destinati all’alimentazione. I loro organismi sviluppano batteri che si modificano geneticamente per resistere a tali farmaci ed entrano nella catena alimentare arrivando all’uomo.

Allarme dell'Oms: nei paesi europei le infezioni sono sempr epiù antibioticoresistenti
In molti Paesi l’uso degli antibiotici non è regolamentato e gli antibiotici possono essere acquistati da cittadini e allevatori al bancone senza una prescrizione medica o veterinaria. Questo, spiega l’Oms, accade in due Paesi su tre dell’Europa dell’Est. I medici spesso prescrivono antibiotici con troppa facilità e le persone li assumono per trattare infezioni comuni come l’influenza o i raffreddori. Inoltre, le imprese commerciali li promuovono irresponsabilmente.

Molti Paesi europei hanno dimostrato che la resistenza agli antibiotici può essere combattuta. Rigide misure di prevenzione e controllo negli ospedali, a partire dalla semplice igiene delle mani, possono ad esempio ridurre in maniera significativa l’incidenza dello Staphylococcus aureus resistente alla meticillina, il batterio ospedaliero più temuto.

L'Oms pubblicherà un pacchetto di misure che i Governi dovranno mettere in atto per combattere la resistenza ai farmaci. Fra queste: lo sviluppo e la messa a punto di piani nazionali ad hoc e il rafforzamento della sorveglianza e della capacità di analisi. Inoltre, l'Oms vuole assicurare un accesso continuo ai medicinali essenziali di sicura qualità, regolare e promuovere l'uso razionale dei farmaci, migliorare la prevenzione e il controllo delle infezioni, dare impulso all'innovazione e alla ricerca e allo sviluppo di nuove armi contro le infezioni.

Fra le emergenze principali, fa notare l'Oms, le forme multiresistenti di tubercolosi, di cui si sono registrati 440 mila casi in 69 Paesi nel 2010, e i parassiti della malaria ormai invulnerabili persino con i trattamenti di ultima generazione. Preoccupano anche i ceppi resistenti di gonorrea e Shigella, così come le infezioni ospedaliere e persino il virus Hiv, che sta diventando resistente alle terapie antiretrovirali in uso.

Essenziale per affrontare l'emergenza, secondo l'Oms, sará la collaborazione di tutti, Governi, industrie farmaceutiche, operatori sanitari, e anche il dialogo fra mondo della salute umana e animale, dato che l'utilizzo di antibiotici nell'allevamento e nell'agricoltura contribuisce al rischio di sviluppo di resistenze.

Fonte: ASCA
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.


You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.


Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Iscriviti per ricevere le offerte riservate ai nostri lettori e le informative

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Luglio 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 27 1 2 3 4 5 6 7
week 28 8 9 10 11 12 13 14
week 29 15 16 17 18 19 20 21
week 30 22 23 24 25 26 27 28
week 31 29 30 31
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

chiara_romidac.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information