DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Benessere Articoli Il Parkinson si può curare con le staminali da midollo osseo
Il Parkinson si può curare con le staminali da midollo osseo
Benessere - Articoli
Scritto da Maria Ida Longo     Venerdì 08 Aprile 2011 15:09    PDF Stampa E-mail
Il Parkinson si può curare con le staminali da midollo osseoCurare il Parkinson con le staminali da midollo osseo oggi è possibile, soprattutto i malati di Psp (paralisi sopranucleare progressiva), un parkinsonismo raro e molto grave che in pochissimi anni costringe chi ne soffre sulla sedia a rotelle: lo studio che ha messo in luce questa nuova cura è tutto italiano, infatti i malati che usufruiranno della nuova tecnica saranno 20, tutti in cura presso il Centro Parkinson degli Istituti clinici di perfezionamento di Milano diretto da Gianni Pezzoli.

L'inizio è previsto tra circa due o tre mesi: il 3% di chi soffre di morbo di Parkinson e colpito da Psp, su 100 mila, sono circa 6,5 le persone che purtroppo so trovano in questa condizione e ogni anno si registrano 5,3 nuovi casi.

La Psp è una forma di Parkinson raro
Questo tipo di Parkinson è una malattia rara ma molto aggressiva, provoca la rapida degenerazione di neuroni chiave nella regolazione automatica dei movimenti, provocando lentezza nei movimenti, rigidità e compromissione dei riflessi alla base dell'equilibrio: il sintomo che risulta sentinella è la progressiva incapacità di muovere gli occhi volontariamente, prima in senso verticale e poi anche in altre direzioni.

Le staminali da midollo osseo che verranno iniettate vanno a raggiungere le aree cerebrali colpite dalla malattia, comunicando con le cellule malate e agendo positivamente su di esse, il risultato sarà la non degenerazione della malattia.

Pezzoli mette in guarda dichiarando che, circa 1 malato su 10, oggi si rivolge ai centri esteri che innanzitutto, usano staminali non efficaci, inoltre anche pericolose, questo perché potrebbero portare a conseguenze molto gravi, fino alle encefalopatiti che sono causa anche di procedure scorrette: inoltre, i costi sono elevatissimi e variano dai 10 mila ai 40 mila euro a seduta.

Un paziente quindi potrebbe arrivare a spendere anche 200 mila euro, in quanto queste tecniche hanno bisogno di almeno 3 o 5 sedute e il risultato non è sempre quello sperato.

Fonte: Asca
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Iscriviti per ricevere le offerte riservate ai nostri lettori e le informative

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Settembre 2020 Prossimo mese
L M M G V S D
week 36 1 2 3 4 5 6
week 37 7 8 9 10 11 12 13
week 38 14 15 16 17 18 19 20
week 39 21 22 23 24 25 26 27
week 40 28 29 30
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

arancia.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information