DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Benessere Articoli Attacchi di rabbia aumentano il rischio d'infarto
Attacchi di rabbia aumentano il rischio d'infarto
Benessere - Articoli
Scritto da Letizia Perugia     Venerdì 04 Novembre 2016 12:10    PDF Stampa E-mail
InfartoSecondo un recente e ampio studio globale, realizzato su oltre 12.000 pazienti che hanno avuto un attacco di cuore, sembra che arrabbiarsi raddoppia il rischio di infarto. Le cause d'infarto sono gli attacchi di cuore, legati allo stato emotivo dei pazienti, rabbia, forti emozioni e attività fisica pesante aumentano drasticamente il rischio di infarto.
 
Per la prima volta, grazie a questa ricerca, ci sono le prove del forte legame tra l'attacco di cuore e quello che i pazienti stavano facendo e provando a livello emotivo nell'ora che ha preceduto l'evento. Lo studio, pubblicato sulla rivista "Circulation", ha rivelato che essere arrabbiato o emotivamente sconvolto aumenta più del doppio il rischio di subire un attacco di cuore. 
 
Inoltre l’esecuzione di attività fisica intensa in uno stato altamente emotivo triplica il rischio di infarto, i ricercatori hanno confrontato il comportamento delle persone nei 60 minuti prima della comparsa dei sintomi dell’attacco di cuore con lo stesso periodo 24 ore prima.
 
I risultati, che sono basati su un'analisi dei pazienti che hanno subito un attacco di cuore in 52 paesi, sono stati coerenti indipendentemente da altri fattori di rischio cardiovascolare tradizionali (obesità, alta pressione sanguigna e dieta).
 
I ricercatori affermano che  le emozioni negative e l’attività fisica intensa possono aumentare la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, riducendo così l'apporto di sangue e ossigeno al cuore.
 
Questo può causare il formarsi di placche arteriose che staccandosi dalle pareti possono provocare un infarto miocardico acuto o un attacco cardiaco.
 
Altri studi avevano già rilevato i legami tra il rischio infarto e la rabbia, lo stress, l’attività fisica come anche stati emotivi di estrema felicità, ma questi studi hanno coinvolto un piccolo numero di soggetti provenienti da paesi occidentali.
 
In questo caso, invece, i ricercatori del Population Institute Health Research (presso la McMaster University di Hamilton, Ontario), hanno analizzato i dati di pazienti che sono stati esaminati e intervistati in 262 centri di salute in tutto il mondo. 
 
I pazienti, tre quarti dei quali erano uomini, avevano in media 58 anni, nell'ora prima che i primi sintomi di infarto si sono presentati, il 13,6% dei soggetti analizzati sono stati impegnati in sforzi fisici pesanti, e il 9,1% lo era stato il giorno precedente. 
 
Sentimenti di rabbia o essere emotivamente sconvolto sono stati riportati dal 14,4% dei pazienti e dal 9,9% il giorno prima, la maggior parte degli attacchi di cuore si sono verificati nella fascia oraria 06:00-18:00. 
 
Tra i problemi che potrebbero influenzare i risultati, i tempi e l'intensità della rabbia e dell'esercizio fisico. Questo studio ci da un ulteriore prova che arrabbiarsi fa male alla salute, aumenta il rischio di avere un infarto e ictus e più ti arrabbi più rischi. 
 
Le persone che più di tutte dovrebbero evitare di arrabbiarsi sono i soggetti già ad alto rischio cardiovascolare. Con arrabbiature frequenti, il pericolo aumenta perché il rischio è cumulativo: per cui a rischiare di più infarto e ictus sono le persone inclini al nervosismo e che si arrabbiano facilmente. 
 
Nella classifica dei pericoli per il cuor, al primo posto ci sono le emozioni negative come la rabbia intensa, quella che fa digrignare i denti e stringere i pugni, fa aumentare il rischio di infarto fino a 9 volte nelle ore immediatamente successive. 
 
La collera fa salire la pressione e la frequenza cardiaca, alterando anche gli equilibri ormonali dell’organismo e una placca aterosclerotica “in bilico” può rompersi più facilmente.
 
Al fine di scongiurare problemi al cuore è quindi, diventa fondamentale riuscire a gestire la rabbia, la migliore tattica per calmarsi è respirare, facendo respiri lunghi e lenti. Con questo semplice atto, si normalizza la percentuale di anidride carbonica ed ossigeno nel cervello.
 
 
 
 
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.




Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Iscriviti per ricevere le offerte riservate ai nostri lettori e le informative

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Agosto 2020 Prossimo mese
L M M G V S D
week 31 1 2
week 32 3 4 5 6 7 8 9
week 33 10 11 12 13 14 15 16
week 34 17 18 19 20 21 22 23
week 35 24 25 26 27 28 29 30
week 36 31
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

chiara_romidac.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 

Corso gratuito

Bebè a casaA Roma corsi gratuiti dedicati alle future mamme e futuri papà e patrocinato dalla Provincia di Roma.  

Patrocinio della Provincia di Roma
Con la collaborazione della BCC di Roma
bcc pic
Corso gratuito per bambini di 6/7 anni: laboratorio di pittura creativa a Roma 

amoriincorso1
Per i più grandi
 

QR Code

QR Code di Mamme Domani

Chi è online

 565 visitatori online

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information