DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Concepimento Metodi Naturali La legge 40 sulla procreazione assistita ritorna davanti alla Consulta
La legge 40 sulla procreazione assistita ritorna davanti alla Consulta
Concepimento - Metodi Naturali
Scritto da Tatta Bis     Mercoledì 29 Gennaio 2014 14:07    PDF Stampa E-mail
fecondazione-assistita-300x203Una coppia romana, la cui signora è portatrice sana di Distrofia Muscolare di Becker, aveva chiesto al centro per la tutela della Salute della donna e del bambino, dell’ospedale Sant'Anna, di poter accedere alle procedure per la procreazione assistita e alla diagnosi preimpianto, ma la struttura le aveva negato il permesso dicendo che (nonostante la sentenza di Strasburgo) la norma era ancora in vigore poiché il governo non l'aveva cancellata.
 
Il governo italiano non ha  modificato la legge secondo le raccomandazioni fatte dalla Corte di Strasburgo e ora il caso viene portato alla Corte Costituzionale italiana, poiché il rifiuto di far accedere una coppia alla diagnosi preimpianto lede il loro diritto ad avere un figlio sano ed il diritto alla autodeterminazione. 
 
fecondazione assistita

Ad agosto 2012 la Corte Europea di Strasburgo aveva bocciato un ricorso del governo italiano confermando così le critiche alle legge 40 sulla procreazione assistita.  
 
Questi diritti esistono, secondo la prima sezione del tribunale civile di Roma, che ha sollevato il caso, i diritti di queste coppie sono inviolabili e costituzionalmente tutelati.
 
Nell'ordinanza emessa dalla prima sezione del tribunale Civile di Roma viene riconosciuto il diritto della coppia ad "avere un figlio sano" e si afferma altresì che il diritto di autodeterminazione nelle scelte procreative è "inviolabile".
 
Si legge nell'ordinanza anche che il diritto alla procreazione sarebbe irrimediabilmente leso dalla limitazione del ricorso alle tecniche di procreazione assistita da parte di coppie che, pur non sterili o infertili, rischiano però concretamente di procreare figli affetti da gravi malattie, a causa di patologie geneticamente trasmissibili, di cui sono portatori. Il limite rappresenta un'ingerenza indebita nella vita di coppia.
 
Il 19 febbraio prossimo la legge compirà 10 anni e, fino a questo momento, ha visto per ben 28 volte l’intervento dei tribunali ed è finalmente approdata alla Consulta affinché determini la sua costituzionalità o meno.
 
Hanno dichiarato Filomena Gallo e Angelo Calandrini, entrambi legali della coppia e rispettivamente segretario e consigliere generale dell’associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica che per la prima volta tale divieto arriva all’esame della Corte Costituzionale. 
 
Infatti in precedenza avevano avuto già due decisioni su tale divieto: una del tribunale di Salerno del 9 gennaio 2010 in cui il tribunale ordinava l’esecuzione dell’indagine diagnostica preimpianto dell’embrione e il trasferimento in utero degli embrioni che non presentino mutazioni genetiche. 
 
Per la prima volta era riconosciuto alla coppia non sterile in senso tecnico la possibilità di accedere alla PMA in deroga a quanto previsto dalla legge. 
 
L’altra è quella della Corte Europea dei diritti dell’uomo del 28 agosto 2012 che ha condannato l’Italia per violazione dell’art. 8 della Corte EDU.
 
I legali hanno affermato inoltre che con questa decisione è come chiudere un cerchio: l’intera legge 40 è costituzionalmente dubbia, il prossimo 19 febbraio la legge 40 compirà 10 anni e in questi anni ha visto per ben 28 volte l’intervento dei tribunali. 
 
Secondo Federconsumatori, la decisione del Tribunale di Roma, che ha sollevato il dubbio di legittimità costituzionale sulla legge 40, ci riporta a parlare di procreazione assistita. 
 
Negli ultimi dieci anni la norma è stata oggetto di ben diciannove tra sentenze e pronunciamenti, che hanno dato ragione a chi la giudica “lesiva del diritto alla salute e del principio di uguaglianza”. 
 
Il pronunciamento del Tribunale di Roma riconosce il diritto ad avere un figlio sano e conferma quindi l’urgenza di affidare la norma al riesame della Consulta, soprattutto in merito agli aspetti che riguardano la procreazione assistita e la diagnosi pre impianto.
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.


Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Giugno 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

chiara_romidac.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 

Corso gratuito

Bebè a casaA Roma corsi gratuiti dedicati alle future mamme e futuri papà e patrocinato dalla Provincia di Roma.  

Patrocinio della Provincia di Roma
Con la collaborazione della BCC di Roma
bcc pic
Corso gratuito per bambini di 6/7 anni: laboratorio di pittura creativa a Roma 

amoriincorso1
Per i più grandi
 

QR Code

QR Code di Mamme Domani

Chi è online

 542 visitatori online

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information