DEVOLVI IL 5XMILLE A MAMME DOMANI. AIUTA I NOSTRI PROGETTI. CF: 09390161009
Home Benessere Articoli Il pisolino rende più intelligenti
Il pisolino rende più intelligenti
Benessere - Articoli
Scritto da Maria Ida Longo     Martedì 23 Febbraio 2010 17:51    PDF Stampa E-mail
bimba che dorme Arrivano buone nuove per gli amanti della pennichella: uno studio effettuato da scienziati americani dell'Università della California capitanati dal dott.Matthew Walker afferma che questa abitudine non solo consente di 'ricaricare' il cervello, ma anche di diventare più intelligenti.

Gli studiosi rivelano che molte celebri menti del passato riposavano abitualmente durante le ore pomeridiane: tra i geni citati ricordiamo ad esempio Albert Einstein, Pablo Picasso e Wiston Churchill.

bimbo che dorme


Più ore trascorriamo da svegli, più il nostro cervello procederà lentamente, quindi  chi sta preparando un esame e pensa di guadagnare tempo rinunciando a preziose ore di sonno in realtà sbaglia.

Dormire è infatti indispensabile per immagazzinare le informazioni acquisite e fare spazio a nuove nozioni, come spiegano gli esperti,: l'abilità di apprendere potrebbe diminuire di circa il 40% nel caso di eccessiva privazione di sonno.

Gli esperimenti dei ricercatori di Berkeley  son giunti a questi risultati studiando 39 giovani adulti in salute sottoposti a test cognitivi destinati a mettere alla prova il funzionamento dell'ippocampo, ovvero la regione del cervello che svolge un ruolo fondamentale per la memoria a lungo termine.

I giovani sono stati divisi in due gruppi, quelli che hanno l’abitudine del pisolino dopo pranzo e quelli che invece riprendono le loro normali attività quotidiane.

All'ora di pranzo non vi era alcuna differenza tra i due gruppi, ma nella seconda sessione di test, invece, condotta nel pomeriggio, chi aveva fatto una siesta di 90 minuti circa presentava migliori capacità cerebrali.

Le conclusioni dello studio sono state esposte nel corso dell'incontro annuale dell'American Association for the Advancement of Science a San Diego, in California.

Walker, in particolare, ha spiegato che grazie al riposino, l'ippocampo  si attiva con maggiore efficacia funzionando meglio, quindi paragonando il nostro cervello ad  una casella di posta elettronica, dove il riposino, consente lo svuotamento dei numerosi messaggi accumulati, per far spazio ad altri nuovi.


Fonte: sito web ASCA
 

Ti è piaciuto questo articolo? Effettua il login, Registrati sul portale per commentarlo oppure discutine nel Forum di discussione.


You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.


Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su FriendFeed

Registrazione

Iscriviti per ricevere le offerte riservate ai nostri lettori e le informative

Approfondimenti

 
Ecografie Le immagini che vediamo nei 9 mesi
Tentativi Mirati Condurre il gioco con i metodi naturali...
Tata_Simona_Pic
L'angolo della TataTata Simona risponde alle tue domande
MAD Card
MAD Card Convenzioni per i sostenitori di MAD
 
Progetti MAD Eventi e Corsi di Mamme Domani

Eventi e Corsi

Mese precedente Settembre 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 35 1
week 36 2 3 4 5 6 7 8
week 37 9 10 11 12 13 14 15
week 38 16 17 18 19 20 21 22
week 39 23 24 25 26 27 28 29
week 40 30
Due Banner

Login



Banner

Shop MAD

Newsletter

Iscriviti alla mailing list e riceverai tutti gli aggiornamenti e gli eventi di Mamme Domani oltre che i buoni sconto e altro ancora.

Nome:

Email:

Foto Maddini

viviana.jpg
Vuoi inserire la foto del tuo bambino su MAD? Puoi farlo direttamente dalla Gallery e vedere le foto degli altri bambini.

Feed RSS & Klip

Mamme Domani RSS 
Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
Mamme Domani:




Aggiungi MAD alla tua iGoogle homepage per avere sempre le ultime discussioni inserite

Sondaggi

Su MAD vorrei leggere più articoli su
 


Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information